Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

10 gennaio 2012
Foggia. Giosué Rizzi, uno dei capi storici della mafia foggiana è stato ucciso poco fa, in un agguato avvenuto a Foggia in via Napoli, alla periferia della città. Secondo le prime indiscrezioni, la vittima sarebbe stata uccisa con alcuni colpi di pistola mentre si trovava all'interno di un'automobile nei pressi dell'Istituto 'Pascal'. Sul luogo dell'agguato la polizia ha recuperato tre bossoli di pistola calibro 9x21. Oltre a Rizzi, risulta ferita un'altra persona che era in auto con lui e della quale non si conoscono ancora le generalità. Giosué Rizzi aveva 60 anni e, dopo aver trascorso gran parte della sua vita come detenuto (era stato in carcere complessivamente per 38 anni), era stato rimesso in libertà nel novembre del 2010. Tra l'altro, era stato condannato all'ergastolo per la strage nel circolo Bacardi, compiuta il primo maggio dell'86 a Foggia, nel corso della quale erano state ammazzate quattro persone, ma poi la pena era stata ridotta a 29 anni dalla Corte d'Assise di Bari. Era stato soprannominato «il papa di Foggia» dal presunto killer pugliese al soldo di Cosa Nostra e della 'ndrangheta, Salvatore Annacondia, il quale tributò a Giosué Rizzi, considerato il boss della «Società», la mafia foggiana, una deferenza assoluta. L'auto di Rizzi, secondo quanto accertato dagli uomini della squadra mobile della questura di Foggia, era ferma ad un semaforo nei pressi dell'Istituto Commerciale 'B. Pascal', quando sarebbe stata affiancata presumibilmente da una moto: uno dei killer ha fatto fuoco con una pistola calibro 9x21, uccidendo sul colpo Rizzi e ferendo la persona che si trovava accanto a lui e ora ricoverata in ospedale. Sul luogo dell'omicidio sono giunti anche il medico legale per la prima ispezione cadaverica e il magistrato di turno, il pm Luciana Silvestris.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy