Intervista all'ex Presidente della Corte d'Appello di Palermo dopo le false accuse dell'avvocato Trizzino

Gioacchino Natoli, già Presidente della Corte d'Appello di Palermo, è un magistrato che ha vissuto il periodo storico del pool antimafia al fianco di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Tra le altre cose si è occupato degli omicidi di Piersanti Mattarella e di Pio La Torre, poi è stato pure pm del processo a Giulio Andreotti. 
Recentemente ha chiesto ed ottenuto di essere sentito dalla Commissione parlamentare antimafia, in quanto, in quella sede è stato attaccato pubblicamente da Fabio Trizzino, marito di Lucia Borsellino e legale dei figli del giudice ucciso in via D’Amelio.
In particolare veniva accusato di aver archiviato un'indagine sui fratelli Nino e Salvatore Buscemi, imprenditori mafiosi vicini a Totò Riina, divenuti soci del gruppo Ferruzzi di Raul Gardini e di aver chiesto ed ottenuto la smagnetizzazione delle intercettazioni e la distruzione dei brogliacci. 
Un'inchiesta che si collegherebbe, secondo il legale, a quelle del Ros di Mario Mori su mafia e appalti, indicata come il movente segreto della strage Borsellino. 
"Accuse false" ha detto Natoli in Commissione Antimafia. In questa intervista ascolterete, con le sue parole, ciò che è realmente accaduto con quelle indagini. 
Inoltre vi è il racconto di quella calda estate del 1992. Dagli ultimi interrogatori vissuti accanto a Paolo Borsellino, alla sensazione tangibile che dietro le stragi vi siano più concause.

ARTICOLI CORRELATI

Qualcuno chiederà scusa a Gioacchino Natoli?
di Saverio Lodato

Si fa presto a gridare al depistaggio su mafia e appalti. Ascoltate Gioacchino Natoli
di Saverio Lodato

Gioacchino Natoli: ''Io accusato da Trizzino di aver protetto i Buscemi, ma è falso''

L'ex magistrato Natoli: ''L'avvocato Trizzino ha detto falsità''

Natoli in Commissione antimafia: ''Archiviazione mafia-appalti? Borsellino sapeva''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos