Bagno di folla alla Pizza Rossa:
La verità è dalla nostra parte. La vittoria sarà nostra”. A Kharkiv attacco uccide 24 persone, Kiev accusa Mosca

Oggi firmiamo i trattati di adesione alla Russia della Repubblica Popolare di Donetsk, della Repubblica Popolare di Lugansk, della Regione di Zaporizhzhya e della Regione di Kherson.
E questo, ovviamente, è un loro diritto, un diritto inalienabile, sancito dal primo articolo della Carta delle Nazioni Unite, che afferma esplicitamente il principio dell’uguaglianza dei diritti e dell’autodeterminazione dei popoli
”. A dirlo, in un discorso trasmesso in diretta e seguito dal mondo intero, è stato Vladimir Putin intervenendo alla Duma di Stato, camera bassa del parlamento russo, dove venerdì ha notificato ufficialmente la proposta delle regioni ucraine meridionali di entrare a far parte della Federazione Russa. “Ripeto: si tratta di un diritto inalienabile del popolo basato sull’unità storica, in nome della quale hanno combattuto generazioni di nostri antenati, coloro che dalle origini dell’antica Rus’ nel corso dei secoli hanno costruito e difeso la Russia. Qui, in Novorossija, combatterono RumyantsevSuvorov e UshakovCaterina II e Potemkin fondarono nuove città. I nostri nonni e i nostri bisnonni combatterono qui fino alla morte durante la Grande Guerra Patriottica”, ha ricordato Putin. E ancora. “Dietro la scelta di milioni di persone nelle Repubbliche popolari di Donetsk e di Lugansk e nelle regioni di Zaporizhzhya e di Kherson c’è il nostro destino comune e la [nostra] storia millenaria. La gente ha trasmesso questo legame spirituale ai propri figli e nipoti. Nonostante tutte le difficoltà, hanno portato avanti il loro amore per la Russia nel corso degli anni. E nessuno può annientare questo sentimento in noi. Ecco il motivo per cui sia le generazioni più anziane che quelle più giovani, nate dopo la tragedia del crollo dell’Unione Sovietica, hanno votato per la nostra unità, per il nostro futuro comune”. “Per otto lunghi anni, la popolazione del Donbass ha subìto un genocidio, bombardamenti e assedi, mentre a Kherson e a Zaporizhzhya si è cercato in modo criminale di instillare l’odio per la Russia, per tutto ciò che è russo. Anche ora, durante i referendum, il regime di Kiev ha minacciato di rappresaglie gli insegnanti e le donne che lavoravano nelle commissioni elettorali, intimidendo milioni di persone che erano venute a esprimere la propria volontà. Ma le indomite genti del Donbass, di Zaporizhzhya e di Kherson hanno detto la loro”, ha affermato il Capo del Cremlino. Quindi Putin ha avvertito l’Occidente. “Voglio che le autorità di Kiev e i loro veri padroni in Occidente mi ascoltino affinché tutti ricordino questo: gli abitanti di Lugansk e di Donetsk, di Kherson e di Zaporizhzhya diventano nostri cittadini per sempre. Invitiamo il regime di Kiev a cessare immediatamente il fuoco e tutte le ostilità, la guerra che ha scatenato nel 2014 e a tornare al tavolo dei negoziati”, ha detto Putin. “Noi siamo pronti, è stato detto più di una volta. Ma la scelta del popolo di Donetsk, Lugansk, Zaporizhzhya e Kherson non sarà messa in discussione, è stata fatta e la Russia non la tradirà. E le attuali autorità di Kiev dovrebbero trattare questa libera espressione della volontà popolare in nessun altro modo se non con rispetto. Questa è l’unica via per la pace”. “Difenderemo la nostra terra con tutte le nostre forze e i nostri mezzi e faremo tutto il possibile per garantire la sicurezza della nostra gente. Questa è la grande missione di liberazione del nostro popolo”.





In serata, dopo il discorso alla Duma, Putin si è spostato a sorpresa nella Piazza Rossa dove era in corso un concerto di celebrazione dell’annessione delle regioni ucraine. Qui ha incitato la folla. "La Russia apre non solo le porte, ma anche il cuore" ai nuovi territori ucraini annessi alla Russia, "benvenuti a casa", ha detto il presidente russo davanti a migliaia di russi. "Siamo divenuti più forti perché siamo insieme. La verità è dalla nostra parte e il potere risiede nella verità. Questo significa la vittoria, la vittoria sarà nostra", ha dichiarato davanti alla folla. "Propongo di farlo ad alta voce ... prendete fiato e al mio comando gridate forte, in modo che possano sentire a migliaia di chilometri di distanza la voce della Piazza Rossa: uno, due, tre: evviva, evviva, evviva!", ha detto il presidente russo arringando la folla all'evento trasmesso dalla televisione russa in tutto il paese e organizzato dal Cremlino. "Cari amici. Oggi è una giornata speciale, solenne e, senza alcuna esagerazione, storica. La giornata della verità e della giustizia", ha dichiarato dal palco dove si sono avvicendati una serie di personaggi del rock russo e volti famosi, compreso il gruppo preferito di Putin che ha eseguito la canzone "E in guerra, come in guerra". Putin ha parlato anche con la poetessa sedicenne Bogdana Neshchered, che si è esibita proprio davanti al presidente russo e ha letto le sue poesie sulla Russia. Sul palco poco prima è stato spiegato che la ragazza, mentre era ancora una bambina, ha fornito "tutta l'assistenza possibile" ai filorussi del Donbass.

Attacco a Kharkiv: 24 morti. Kiev accusa Mosca
Nel frattempo, ieri, Ventiquattro persone sono morte durante il bombardamento di un convoglio automobilistico nella regione di Kharkiv. La colonna è stata colpita nel distretto di Kupyansky, ha detto sui social Oleg Sinegubov, capo dell'amministrazione regionale che ha attribuito la responsabilità del bombardamento all'esercito russo. "Questa è una crudeltà che non ha giustificazione", ha scritto Sinegubov. “Sul posto si sono recati agenti delle forze dell'ordine ed esperti. Sono in corso le indagini. Gli occupanti hanno colpito i civili che cercavano di fuggire ai bombardamenti", ha aggiunto su Telegram il governatore. Le forze russe si sono ritirate dalla maggior parte della regione di Kharkiv dopo il successo della controffensiva ucraina del mese scorso, ma hanno continuato a bombardare l'area. I bombardamenti si sono drasticamente intensificati questa settimana, mentre Mosca si apprestava ad annettere quattro regioni ucraine nell'est e nel sud del Paese, già sotto il suo controllo totale o parziale (cioè Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia).
Nell’attacco sarebbero rimasti uccisi dieci bambini. "I russi hanno sparato contro i civili quasi a bruciapelo", ha scritto ancora Sinegubov su Telegram. La forza di polizia segreta nota con l'acronimo Sbu, ha pubblicato fotografie del convoglio attaccato. Almeno un camion sembra essere stato fatto saltare in aria e si vedono cadaveri bruciati sul pianale. In fiamme anche un altro veicolo nella parte in testa al convoglio. Nelle foto si vedono corpi che giacciono sul ciglio della strada o ancora all'interno dei veicoli, che sembravano bucherellati da fori di proiettile. Intanto è salito a 31 il bilancio delle vittime del bombardamento di venerdì di un convoglio di civili a Zaporizhzhia, nel sud dell'Ucraina, come ha annunciato il governatore Oleksandr Starukh, citato da Unian. "Un'altra donna è morta in ospedale. Il numero delle vittime è di 31, di cui 30 civili e un agente di polizia", ha spiegato.

ARTICOLI CORRELATI

Ucraina: Putin annette regioni invase, nella mattina strage di civili a Zaporizhzhia

Ucraina vicina alla mezzanotte nucleare

 

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy