Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

“Il fallimento dei Referendum nei termini clamorosi in cui è avvenuto, segna un punto di non ritorno nei rapporti tra giustizia e politica. Benché il mondo giudiziario sia gravemente in crisi, le istituzioni parlamentari non sono in grado di riformarlo”. Così ha scritto in un post su Facebook il consigliere togato al Csm Sebastiano Ardita aggiungendo che “non hanno un progetto per gli strumenti processuali, assistono inerti al disastro del sistema penitenziario, non sono state neppure in grado di intervenire per espellere le correnti dal Csm, attraverso la semplice introduzione di un sorteggio per scegliere i componenti. I politici avrebbero voluto essere incoraggiati dai cittadini e li hanno portati a votare referendum che non avevano né capo né coda, per tentare una azione riformatrice che - se fosse stata necessaria ed efficace - avrebbero dovuto intraprendere a prescindere.
E invece si trovano adesso con la più clamorosa delle sconfessioni da parte del popolo.
In queste condizioni come faranno a votare il testo della legge che prevede una separazione delle carriere se i cittadini hanno disdegnato di recarsi alle urne sul referendum omologo?
È evidente che non potranno approvare sul punto, così come è stata scritta, la riforma Cartabia che impedisce il passaggio di funzioni tra giudice e PM. Perché i cittadini non la vogliono!
Si aspettavano un referendum che sancisse la sfiducia verso i magistrati (e ci sarebbe forse qualche ragione di scontento) ed è venuto fuori invece un referendum che sancisce la sfiducia verso la politica e la sua inconcludente azione sulla giustizia, a iniziare dalla cd riforma Cartabia”.

Tratto da: facebook.com/CataniaBene

Foto © Paolo Bassani

ARTICOLI CORRELATI

Referendum: schiaffo a chi voleva la magistratura in ginocchio
di Giorgio Bongiovanni e Aaron Pettinari

Elezioni Palermo, i candidati indicati dalla mafia non votateli!

Referendum: idea distorta di giustizia

Di Matteo: ''A 30 anni dalle stragi politica condizionata da condannati per mafia''

Gratteri: ''Separazione delle carriere? Pregiudizievole e incostituzionale''

Referendum giustizia, Tescaroli: ''Pm indicati come responsabili dei mali della giustizia''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy