Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Sebastiano Ardita

Matteo Messina Denaro - Latitante di Stato, di Marco Bova (ed. Ponte alle Grazie), è un libro con un titolo che non ammette censure. È un’opera scomoda - non il solito copiato di atti processuali per compiacere magistrati ed investigatori - ma un lavoro di giornalismo vero per capire cosa non ha funzionato nelle investigazioni e nella mancata cattura del latitante. Un lavoro che scandaglia a fondo le ragioni che stanno alla base dei fallimenti e mette in luce alcune strane vicende: indagini che si intersecano, si sovrappongono e finiscono per imbrigliare gli stessi investigatori impegnati nelle attività più delicate per la cattura. Ne viene fuori l’immagine di una azione pubblica scoordinata se non addirittura strabica o miope, senza che a trinciare i giudizi siano le parole dell’autore, ma semplicemente i fatti raccontati nella loro sequenza. Sullo sfondo le solite trame oscure, i personaggi ambigui, le paure di Stato che accompagnano l’aspettativa della cattura di un latitante descritto in tanti modi diversi. Dapprima come il nuovo capo assoluto di cosa nostra, il nuovo plenipotenziario della mafia. Di modo che - nella prospettiva dell’arresto imminente, più volte annunciato - si potesse dire che dopo la sua cattura la lotta alla mafia era definitivamente vinta.
E poi, col passare del tempo, “derubricato” a grosso esponente. Infine, definito un uomo d’onore oramai fuori dalle decisioni che contano.
Ma pur sempre, come ci spiega l’Autore, riconosciuto come uno che nei momenti chiave della storia della Repubblica - quando vennero decise le stragi - sedeva alla destra di Totò Riina ed era a conoscenza di segreti inconfessabili.
E attorno a questo misterioso ruolo, ruota come in una giostra impazzita, tutto il movimento centrifugo che porta all’impiego di uomini e di mezzi, ai sacrifici e alle delusioni di tanti fedelmente impegnati, costretti a girare a vuoto e neutralizzati…da una fuga di notizie, da un’inchiesta imprevista, da una soffiata.
È un libro che fa riflettere e dovrebbe fare arrossire, perché individua una logica negli eventi accaduti e concede poco o nulla al caso. Una storia che prova a mettere insieme i pezzi di un mosaico - con l’intento di ricostruire luoghi e strategie di una cattura mancata - e finisce per disegnare un mostro.
(Prima pubblicazione: 07-05-2022)

ARTICOLI CORRELATI

Ardita: ''Prevenzione antimafia? Siamo tornati indietro come nel gioco dell'oca''

Stragi '92: al via il processo d'Appello contro Messina Denaro il 4 maggio

Matteo Messina Denaro e la trattativa Stato-Mafia

Matteo Messina Denaro, il boss di Cosa nostra l'ultimo latitante stragista - DOCUVIDEO

La Nazionale Italiana non si inginocchia e nessuno vaccina Matteo Messina Denaro
di Saverio Lodato

Cercate bene l'esplosivo destinato a Nino Di Matteo, troverete Matteo Messina Denaro
di Saverio Lodato

Messina Denaro sette soprannomi per un mistero

Matteo Messina Denaro mandante delle stragi del '92

La condanna a morte: le parole di Riina contro Di Matteo

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy