Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.









Caserma Lungaro: ''insieme'' per continuare a pretendere verità e giustizia





Ventinove anni dopo via d'Amelio chiede ancora giustizia





''Il peso del sangue''. Lo spettacolo intergrale!








20210717 via damelio 29 anniIl 19 luglio 1992 a Palermo un’autobomba carica di tritolo venne fatta esplodere in via Mariano d’Amelio uccidendo il magistrato Paolo Borsellino e i suoi agenti di scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Claudio Traina ed Eddie Walter Cosina. A distanza di 29 anni, grazie al prezioso contributo di magistrati coraggiosi, forze dell’ordine, pentiti di mafia e giornalisti, sappiamo molto su quell’attentato che per un attimo spense le speranze degli italiani onesti dopo la precedente morte di Giovanni Falcone. Ma ancora oggi permangono degli interrogativi sui quali è necessario far chiarezza per il pieno raggiungimento di verità e giustizia. Chi ha veramente ordinato la morte di Borsellino? E perché? Come mai il gotha di Cosa Nostra accelerò il progetto di attentato? Chi ha preso l’agenda rossa dall’auto in fiamme? E quali presenze occulte si sono aggirate in via d’Amelio negli attimi immediatamente successivi all’esplosione? A rispondere a queste e a tante altre domande sono magistrati antimafia da decenni schierati in prima linea contro il crimine organizzato, nonché alcuni tra i maggiori esperti della storia occulta di Cosa Nostra e dei suoi rapporti con il potere: Roberto Scarpinato (procuratore generale di Palermo), Gianfranco Donadio (magistrato della Direzione Nazionale Antimafia) e Luca Tescaroli (procuratore aggiunto di Firenze che subì un fallito attentato nel 1997 sul quale ANTIMAFIADuemila pubblicherà un’inchiesta esclusiva i prossimi giorni). I magistrati interverranno in qualità di relatori alla conferenza organizzata dall’“Associazione culturale Falcone e Borsellino”, 20210720 il peso sangue vertdal titolo "Strage via d'Amelio: 29 anni dopo continua la ricerca dei mandanti esterni”, che si terrà a Palermo sabato 17 luglio 2021 alle ore 20:00, presso Villa Trabia (via Antonino Salinas, 3). Insieme a loro prenderà parte anche Giorgio Bongiovanni, direttore della rivista ANTIMAFIADuemila, che illustrerà un docu-video inedito della testata sulla strage di via d’Amelio e sul progetto di morte contro il magistrato Nino Di Matteo, oggi componente del Csm. Ad aprire la serata i saluti di Salvatore Borsellino, fondatore del Movimento Agende Rosse e fratello di Paolo. Nel corso della conferenza è previsto anche un breve intervento del Movimento Our Voice con la direttrice Sonia Bongiovanni.
L’ingresso è libero. L’evento, organizzato in ottemperanza delle normative anti Covid-19 vigenti, sarà trasmesso in DIRETTA STREAMING e rientra in una catena di eventi commemorativi che si concluderanno il 20 luglio con lo spettacolo del Movimento Our Voice intitolato “Il peso del sangue”.

L'evento FACEBOOK

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy