Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

A maggio l'uscita del libro "Vi abbraccerei tutti" (ed Albatros), scritto con Domenico Rizzo

Impegno, memoria, ricerca della verità. La storia di Luciano Traina parte da lontano, ancor prima di quel tragico 19 luglio 1992 che spezzò la vita del giudice Paolo Borsellino, di suo fratello Claudio e degli altri quattro agenti della scorta (Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli e Walter Eddie Cosina).
Attraversando il cammino che lo ha visto protagonista, come poliziotto, come cittadino e familiare vittima di mafia, assieme all'amico e scrittore Domenico Rizzo ha scritto il libro "Vi Abbraccerei tutti", edito da Albatros (disponibile in libreria dal prossimo 7 maggio). Un racconto unico di un uomo che non ha mai smesso di lottare.

ARTICOLI CORRELATI

Via d'Amelio, 28 anni dopo memoria e pretesa di verità non sono vane

Via d'Amelio ventisette anni dopo

Luciano Traina: ''Nessuna fiducia in questo Stato''

Da Capaci a via d'Amelio, storie di ''Fratelli di sangue''

Alla Casa di Paolo Domenico Rizzo presenta il libro ''L'imperatore dei limoni''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy