Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L’intervista shock del presidente americano ad Abc: “Pagherà le interferenze nelle elezioni”

La tensione è alle stelle tra Stati Uniti e Russia. A meno di due mesi dall'insediamento di Joe Biden alla Casa Bianca oggi il presidente americano ha attaccato in maniera diretta e gratuita il suo omologo russo Vladimir Putin. Una notizia che ha fatto in pochi minuti il giro del mondo. Il presidente Dem, in una intervista a Abc, ha definito Putin come "un assassino" promettendo per giunta che "pagherà" per le presunte interferenze nelle presidenziali americane del 2020, come rivelato dall'intelligence Usa. “Abbiamo avuto una lunga conversazione (a fine gennaio) - ha rivelato Biden - io e lui... lo conosco abbastanza bene. La conversazione è iniziata così: io ho detto 'io ti conosco e tu conosci me. Se verificherò che è successo, sii preparato'", ha detto Biden. Le dichiarazioni del numero uno della Casa Bianca arrivano all'indomani della diffusione del rapporto dell'intelligence Usa, in base al quale Putin autorizzò la strategia per denigrare Biden a vantaggio di Donald Trump alle presidenziali, istillando la sfiducia nel sistema elettorale. Immediata la reazione di Mosca. Le dichiarazioni sul capo di stato russo sono "un attacco ai russi" e una reazione "isterica dovuta all'impotenza" degli Stati Uniti, ha scritto sul suo canale Telegram il presidente dalla Duma, la Camera bassa del Parlamento russo, Vyacheslav Volodin. Mosca ha altresì ritirato l'ambasciatore da Washington.


putin vladimir c imagoeconomica 1343170

Vladimir Putin


"Biden ha insultato i cittadini del nostro Paese con la sua dichiarazione", "Putin è il nostro presidente, gli attacchi contro di lui sono attacchi alla Russia"
, il leader "di un Paese che si proclama un difensore dei principi democratici e della moralità non può comportarsi così. Nessuno è autorizzato a parlare del nostro capo di stato in questo modo". E sulle accuse mosse dal report di intelligence aveva risposto in mattinata il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov che ha affermato che Mosca non ha cercato di influenzare le elezioni presidenziali americane, definendo infondato il rapporto. "Non siamo d'accordo con le conclusioni di questo rapporto per quanto riguarda il nostro paese. La Russia non ha interferito nelle elezioni precedenti e non ha interferito nelle elezioni menzionate in questo rapporto nel 2020. La Russia non ha nulla a che fare con le campagne contro i candidati. A questo proposito, consideriamo questo rapporto errato, è assolutamente infondato", ha detto Peskov ai giornalisti. Il portavoce del Cremlino ha anche notato che negli ultimi anni ogni presidente degli Stati Uniti ha iniziato il proprio mandato con l'imposizione di sanzioni contro Mosca, aggiungendo che le azioni degli oppositori della Russia sono "difficili da prevedere". Gli obiettivi della Russia non si limitavano a danneggiare la candidatura di Biden e ad aiutare la candidatura per la rielezione di Trump, afferma il rapporto, poiché l'intelligence americana ha scoperto che Mosca avrebbe anche cercato di minare "la fiducia del pubblico nel processo elettorale e di esacerbare le divisioni sociopolitiche negli Stati Uniti". L’attacco di Biden a Putin arriva come un fulmine a ciel sereno ed è destinato ad incrinare ancor di più i rapporti tra le due potenze nucleari.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy