Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Giamborino era un amico nostro, ci appoggiava, aveva sistemato parecchie persone"

"Pietro Giamborino è uno dei nostri. I voti glieli hanno fatti avere tutti i Piscopisani". Ad affermarlo è il collaboratore di giustizia Raffaele Moscato rispondendo al pm della Dda di Catanzaro, nell'udienza del processo Rinascita-Scott, che gli ha chiesto quali fossero per la cosca dei Piscopisani gli interlocutori politici privilegiati. Il collaboratore ha anche riferito che Pietro Giamborino, ex consigliere regionale, quando è stato eletto è andato a festeggiare a casa di Rosario Battaglia, uno dei vertici della cosca. "Si parlava sempre - ha detto - che Giamborino era un amico nostro, che ci appoggiava, aveva sistemato parecchie persone, anche a parenti di Rosario Battaglia e quando c'erano lavori da fare, come quelli di movimento terra, li faceva prendere lui a ditte vicine ai Piscopisani. Quando lo hanno votato, alle 3 del mattino è arrivato ubriaco a casa di Sarino (Rosario Battaglia, ndr) a festeggiare. Questo me lo ha detto Sarino il giorno dopo. Giamborino aveva parenti che abitavano difronte casa di Sarino Battaglia e spesso era a casa sua a prendersi il caffe'". "I voti glieli hanno fatti avere tutti i Piscopisani" ha aggiunto Moscato che ha riferito che lo stesso Battaglia gli aveva detto che "Giamborino c'ha la prima, cioè che era battezzato che c'aveva la prima e che era con noi". Il collaboratore ha anche detto che l'ex consigliere regionale ha "sistemato" alcuni parenti di Rosario Battaglia: "Michele D'Angelo all'acquedotto, la sorella Maria nello studio di un avvocato e l'altra sorella Sara in un centro commerciale. La mamma di questi è la sorella del padre di Rosario Battaglia". Moscato ha poi parlato dell'omicidio di Michele Palumbo, ucciso a marzo del 2011, ritenuto uomo di fiducia del boss Pantaleone Mancuso, alias Scarpuni, attribuendolo ai Piscopisani. Un omicidio compiuto per vendicare un "affronto" e anche per sottolineare la rivalità tra il gruppo di Piscopio e la cosca di Limbadi.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Rinascita-Scott: politica e logge coperte, parola a Cosimo Virgiglio

''Calabria in mano alla massoneria deviata'': la verità dei pentiti della ‘Ndrangheta

Mafia, massoneria e servizi. Virgiglio racconta il ''Potere'' al processo 'Ndrangheta stragista

Operazione ''Rinascita-Scott'': relazione diretta tra 'Ndrangheta e massoneria

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy