Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Lo storico vignettista dedica una sua opera in supporto alla libertà di informazione e di espressione

Il vignettista italiano per eccellenza, Vauro Senesi, si è unito alla campagna #aChair4Assange promossa dal Movimento Our Voice. Si tratta di uno dei vignettisti di maggior successo in Italia che da anni collabora con Il Fatto Quotidiano, Left e Il Manifesto. Conosciuto ed apprezzato anche come personaggio televisivo di diversi programmi di successo come Annozero e Servizio Pubblico (condotti da Michele Santoro) e "L’aria che tira" di Myrta Merlino (in onda su La7) nel quale si occupa della rubrica "Il Vauro che tira".

Disegnatore, autore satirico, giornalista e scrittore. Insomma, un artista completo che non ha bisogno di lunghe presentazioni. La sua firma da decenni è una delle icone della satira italiana agli occhi del mondo. Da sempre impegnato nel sociale, nella lotta alla mafia e alla corruzione, nella lotta "No Tav" e contro le ingiustizie sociali. Vauro in una parola può essere definito "Artivista".

Oggi, nella sua ultima opera, si è raffigurato in piedi sulla sedia. Uno sguardo fiero ed un sorriso convinto. La mano destra appoggiata sul fianco, mentre la sinistra impugna la sua immancabile compagna: la matita. Appuntita e sorretta come una bandiera, come a voler testimoniare che l'arte è un valido baluardo con cui difendere le libertà.

Vauro ha realizzato questo capolavoro per richiamare la sua adesione alla "call to action" #aChair4Assange (ispirata alla scultura "Anything to say?" di Davide Dormino) volta alla difesa dei diritti umani del fondatore di WikiLeaks, della libertà di informazione e di espressione.

Il 4 Gennaio, infatti, verrà pronunciata la sentenza sulla possibile estradizione di Julian Assange negli Stati Uniti (attualmente si trova recluso nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh). E per questo, Our Voice ha deciso di lanciare questa iniziativa a sostegno della libertà d’espressione e di informazione, valori di cui quest’uomo si è fatto portavoce, proprio per evitare la sua condanna e quindi l'estinzione delle libertà di cui sopra.

Oggi, dunque, Vauro si è unito a questo progetto, non venendo meno al suo impegno civile. Da artista ha dimostrato ancora una volta che l'arte è il miglior mezzo per difendere i diritti e, da storico militante qual è, che una matita è la migliore arma contro i fascismi e le dittature mediatiche volte alla soppressione della "Freedom of speech".
(Prima pubblicazione: 29 dicembre 2020)

Sito internet: mailchi.mp/ourvoice/achair4assange

Vauro Instagram: instagram.com

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy