Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Sebastiano Ardita

Qualche tempo fa il boss pentito Vito Galatolo aveva svelato che - su richiesta del capo mafia latitante Matteo Messina Denaro - Cosa Nostra si mobilitò per comprare l'esplosivo destinato ai danni del pubblico ministero di Palermo Nino Di Matteo. Specificò all’epoca il collaborante che la decisione era stata assunta nel corso di un summit che si era tenuto a Palermo in una abitazione utilizzata per l’occasione.
Si trattò di dichiarazioni precise e molto allarmanti - e tali furono considerate dagli inquirenti - perché dotate di una loro intrinseca credibilità e di riscontri esterni circa la veridicità di quanto narrato.
Oggi Salvo Palazzolo sul quotidiano La Repubblica dà notizia che un altro esponente di cosa nostra, Alfredo Geraci, starebbe collaborando da un mese con i magistrati della procura di Palermo, ed avrebbe raccontato che fu lui a procurare l'appartamento di Ballarò per quel summit in cui si discusse dell'attentato a Di Matteo.
Lui non sa di cosa si parlò, però poi il suo capo, Alessandro D'Ambrogio, gli avrebbe detto che erano presenti diversi boss responsabili delle varie famiglie e che Messina Denaro aveva chiesto qualcosa ai mafiosi di Palermo.
Il nuovo pentito avrebbe dichiarato di aver messo a disposizione la casa della sorella di suo suocero, un appartamento al secondo piano a Ballarò, senza partecipare alla riunione.
Tempo prima Galatolo aveva detto che nel corso della riunione a portare il messaggio di Messina Denaro era stato il boss di San Lorenzo Girolamo Biondino. L'ex boss dell'Acquasanta aveva parlato anche di 150 chili di esplosivo acquistato in Calabria, esplosivo che è stato a lungo cercato dagli investigatori fra Palermo e Monreale.
La nuova testimonianza rappresenta dunque un riscontro rispetto ad una opzione stragista in capo al capo latitante di Cosa Nostra.
Con buona pace di quanti ritengono superato il pericolo di nuovi attacchi allo Stato...

Tratto da: facebook.com

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Attentato al pm Di Matteo, pentito conferma: ''Messina Denaro mandò un messaggio''

Cercate bene l'esplosivo destinato a Nino Di Matteo, troverete Matteo Messina Denaro - di Saverio Lodato

Video

  • All
  • Antonio Ingroia
  • Cosa Nostra
  • Our Voice
  • Palestina
  • Pietro Riggio
  • Salvatore Borsellino
  • Video

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

...

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

by Letizia Battaglia, Sabrina Pisu

...


MAGISTROPOLI

MAGISTROPOLI

by Antonio Massari

...

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

by Gianluigi Nuzzi

...


OSSIGENO ILLEGALE

OSSIGENO ILLEGALE

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

...


LA STRAGE CONTINUA

LA STRAGE CONTINUA

by Raffaella Fanelli

...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy