Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Sebastiano Ardita
Un ragazzino esile cerca di aiutare un amico che ha davanti dei bulli palestrati. Vuole solo difenderlo, vuole fare da paciere. Ma trova una squadra di assassini che deve sfogare la sua rabbia contro qualcuno. Lui vuole la pace, vorrebbe salvare il suo amico, e invece trova la morte in un pestaggio crudele ed infinito.
È capitato a Willy, ma sarebbe potuto capitare a chiunque. A chiunque avesse avuto il buon cuore di provare a salvare dai problemi un amico, a fare da paciere.
C’è una società che non capisce e chiude gli occhi fino a che non accade l’irreparabile e c’è un mondo di violenti che non ha paura delle conseguenze delle proprie azioni e della possibile punizione.

ARTICOLI CORRELATI

In Italia le bestie feroci naziste uccidono ancora
L'assassinio del giovane 21enne Willy Monteiro Duarte
di Giorgio Bongiovanni

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy