Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Il consigliere togato del Csm intervenuto ai microfoni di Giornale Radio 1

La crisi da Coronavirus rischia di aprire la strada alle grandi organizzazioni criminali. A lanciare l’allarme è il consigliere togato del CSM Nino Di Matteo nel corso di un’intervista ai microfoni di Bruno Sokolovic per Giornale Radio 1. “Io credo che il pericolo abbia diverse facce. - ha affermato Di Matteo - Una è quella del reclutamento di persone che sono abituate a vivere ai margini della legalità. L’altra è quella che le mafie soffino sul fuoco del malcontento per alimentare un clima di odio nei confronti delle istituzioni”. L’ultima, invece, “la più grande”, è quella che riguarda il commercio e le piccole-medie imprese, le prime ad essere colpite dalla crisi economica. “Le mafie che hanno un’ingentissima disponibilità di liquidità e denaro sporco di sangue, tenteranno di assumere il controllo di queste attività. - ha spiegato il magistrato - Magari lo faranno insinuandosi poco alla volta sotto forma di aiuti, prestiti per poi espropriare di fatto i titolari di quelle imprese commerciali, e non solo”. Pertanto, ha sottolineato Di Matteo, davanti al governo e a tutte le istituzioni, anche quelle europee, si presenta una sfida: “fare presto per aiutare economicamente i tanti imprenditori e commercianti che se non aiutati in questo momento rischiano, più o meno consapevolmente, di consegnarsi all’economia mafiosa”.

Clicca qui per ascoltare l'intervento di Di Matteo al min. 16.50

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Di Matteo: ''Aziende in crisi, rischio mafie sull'economia legale''

Il ''Cura Italia'', le carceri e l'indulto mascherato

Nino Di Matteo: ''Coltivare memoria capendo chi e perché ha voluto stragi e delitti''

A colloquio con Nino Di Matteo - Prima parte / Seconda parte
Csm, riforme della giustizia, mafia e mandanti esterni delle stragi
di Giorgio Bongiovanni

Tartaglia: ''Tempesta perfetta, la crisi è terreno fertile per le mafie''

Gratteri: ''Con Paese bloccato c'è rischio concreto di usura a imprenditori in difficoltà''

Don Ciotti: ''Lotta al Coronavirus non faccia passare in secondo piano quella alla mafia’'

Coronavirus. De Raho: ''Rischiamo di consegnare l'economia alla camorra''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy