Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Paolo Borrometi
Loro sono i magistrati che hanno sostenuto l’accusa nel processo “Trattativa” a Palermo. Negli anni li abbiamo insultati, denigrati, accusati di complottismo. Abbiamo detto le idiozie e le cattiverie più gravi, perché non potendo smontare le tesi del loro lavoro, dovevamo distruggerne l’immagine. Ed allora via con il campionario, sempre il solito: che “cercavano visibilità”, che lucravano sulle minacce dei mafiosi.
Poi la sentenza che ha dato loro ragione. Ma non è bastata. “Hanno sbagliato tutto”, disse un assessore regionale siciliano.
Ieri le parole di un boss, feroce, al suo attivo un numero imprecisato di omicidi, stragi ed incontri “politici”.
Il boss è Giuseppe Graviano, ha raccontato di aver incontrato Silvio Berlusconi. “Almeno tre volte”. E che Berlusconi fosse consapevole del fatto che Graviano fosse in latitanza. E lo incontrava, comunque.
Premetto che mi fido poco delle verità così frammentate di Graviano e mi domando perché parli solo adesso e soprattutto a chi si rivolga. Detto questo, però, le parole di Graviano ci fanno comprendere con certezza che quei magistrati, così osteggiati, hanno - a rischio della loro stessa vita - dato un contributo eccezionale per la verità in questo Paese. Capendo, studiando e indagando su fatti indicibili della nostra Repubblica.
Ed allora grazie. Grazie ai pm Antonino Di Matteo, Vittorio Teresi, Francesco Del Bene e Roberto Tartaglia.
Dopo tanti anni, tanti insulti: grazie alle vostre famiglie per gli innumerevoli sacrifici, grazie a voi per il vostro lavoro e per come lo avete fatto.
Noi siamo con Voi! E condividiamo la vostra immagine, perché siete la parte più bella di questo Paese.

Tratto da: facebook.com

ARTICOLI CORRELATI

Graviano vs Berlusconi in un Paese (sempre più) narcotizzato

Nino Di Matteo: ''Le dichiarazioni di Graviano? Io fui additato come un fanatico visionario''

"Parla" il boss stragista Giuseppe Graviano

Vincenzo Agostino a Graviano: ''Se sai qualcosa parla, sono disposto a incontrati''

Graviano parla: ''Un imprenditore di Milano non voleva che si fermassero le stragi''

Eravamo noi magistrati visionari?

'Ndrangheta stragista, Graviano: ''Mi incontrai con Berlusconi da latitante''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy