di AMDuemila
Il consigliere togato ha ricordato il collega andato in pensione

Vittorio Teresi, per anni procuratore aggiunto alla Direzione distrettuale antimafia di Palermo, "ha rappresentato un punto di riferimento insostituibile nel contrasto alla criminalità organizzata, soprattutto mafiosa". Sono queste le parole del consigliere togato indipendente, Nino Di Matteo, che questa mattina, in apertura del plenum del Csm, ha voluto ricordare il collega Vittorio Teresi, in pensione dal 1° gennaio, pubblico ministero e "magistrato valoroso", sottolineandone "la dedizione e la professionalità". "Ha vissuto in prima linea il periodo buio delle stragi, nel '92 a fianco di Paolo Borsellino, - ha continuato - grazie a lui e a quelli come lui si arrivò al crollo del mito dell'impunità di Cosa Nostra”.
Di Matteo ha parlato anche delle numerose e delicate inchieste di cui Teresi si è occupato nel corso della sua carriera: “Protagonista di molti dei processi più delicati, come quello sulla trattativa Stato-Mafia, ha sempre lavorato con impegno, umiltà, coraggio, spirito di servizio e vera Indipendenza e imparzialità, non ha mai pensato alla corsa alla carriera e agli incarichi dirigenziali - ha concluso - è un esempio di tutte le caratteristiche che rendono un magistrato degno di indossare la toga”.

Dossier Processo trattativa Stato-Mafia

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy