Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Il consigliere del Csm ha commentato le misure previste dal governo

"Se l'obiettivo reale" del provvedimento che prevede il carcere per chi evade per oltre 100 mila euro "è il contrasto all'evasione fiscale, la prospettiva del carcere, calata nel sistema penale italiano, non credo possa essere una soluzione”. E’ così che si esprime il consigliere del CSM (Consiglio Superiore della Magistratura) Sebastiano Ardita che è intervenuto, rilasciando un’intervista all’Adnkronos, riguardo alle misure esposte dal governo nel decreto fiscale. "Il numero di evasori fiscali nel nostro paese si conta in milioni, ed anche se solo una frazione raggiungesse la soglia di punibilità, sarebbe impensabile che per essi possano aprirsi mai le porte di un penitenziario - ha spiegato - L’unico effetto certo è la paralisi del sistema penale che verrebbe ingolfato da un fiume di processi che produrrebbero pene detentive teoriche: cioè sanzioni che rimangono sospese o devono essere convertite in misure alternative". Secondo il magistrato “la misura più adatta in questi casi ed anche la più proficua per l'erario potrebbe essere la confisca, prevedendo magari un procedimento agile ed accelerato, che renda veloce l'apprensione delle somme sottratte al fisco”. Ardita ha poi commentato le parole dell’ex ministro e leader della Lega Matteo Salvini, secondo cui ''pensare alle manette per alcune decine di migliaia di euro è da fuori di testa. Sì al carcere ma non per i disperati’’. Mentre per il pm “gli evasori sopra una soglia di reddito rilevante non sono sicuramente dei disperati, ma è altrettanto vero che il carcere potrebbe essere una misura ‘coerente’ solo in un sistema con effettività della pena, come quello statunitense. Nel nostro paese chi lede beni personali rilevanti spesso rimane in libertà e dunque un criterio di proporzionalità deve essere mantenuto nel rispetto dei valori della Carta costituzionale”. Ardita ha poi proseguito: “In Italia si potrebbe considerare il carcere unicamente come rimedio per la grande criminalità finanziaria, specie quando quest'ultima si innesti nell'alveo della criminalità organizzata, ossia in un quadro nel quale il reato fiscale fa parte di un programma criminoso che prevede ruoli e partecipazioni per compiere una serie indeterminata di delitti - ha detto ancora Ardita - per disarticolare una organizzazione, allora potrebbe avere un senso ricorrere alla misura detentiva. Ma mi riferisco a casi che non si rispecchiano nel fenomeno individuale e generalizzato al cui contrasto sembra ispirarsi la riforma”.
Il consigliere del Csm, parlando poi delle dichiarazioni del ministro Luigi Di Maio secondo cui "il carcere per i grandi evasori è imprescindibile”, ha sostenuto che "con la sensibilità che è presente nel nostro paese e col sistema di misure alternative, più sarà alto il numero dei processi e delle condanne più bassa sarà la percentuale di condannati che varcheranno la soglia di un carcere". "E dunque - ha concluso - questo rimarrà solo un proposito".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Csm, nomine Procura Antimafia: Di Matteo e Ardita propongono Gozzo

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy