Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila - Video
Nel '92 Riina confidò a Brusca: 'Se dovessero arrestarmi sappi che solo Salvatore Biondino e Matteo Messina Denaro sanno del papello e della trattativa’”. A rammentare quelle parole del collaboratore di giustizia Giovanni Brusca è il consulente della Commissione parlamentare antimafia Roberto Tartaglia. L’ex pm del processo Trattativa Stato-Mafia si è soffermato, nel corso di un’intervista rilasciata alle telecamere dell’Associazione Memoria e Futuro, sul ruolo strategico del super latitante Matteo Messina Denaro nella stagione delle bombe del ’92-’93, direttamente dal paese che gli ha dato i natali, Castelvetrano. “Matteo Messina Denaro è colui che dopo l’arresto di Riina nella famosa riunione del villino di Santa Flavia - ha ricordato Tartaglia - decide di esportare la strategia stragista di Cosa nostra in continente. Facendola diventare a tutti gli effetti un’azione terroristica che colpisce obiettivi completamente aldifuori dalla logica di Cosa nostra”. “Fino a quando ci sarà uno degli stragisti di Cosa nostra del ’92-’93 a piede libero in questo paese, - ha concluso il magistrato - i conti con quegli anni e con il passato non si potranno mai dire chiusi”.

ARTICOLI CORRELATI

Nicola Morra: Matteo Messina Denaro ha cappuccio e grembiulino

Matteo Messina Denaro, il latitante con gli alamari

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy