Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Affidato accertamento tecnico su fucile, forse arma delitto
di AMDuemila

Salgono a 18 gli indagati per l'agguato mafioso costato la vita al sostituto procuratore generale della Cassazione, Antonino Scopelliti, ucciso a Campo Calabro, nei pressi di Villa San Giovanni, il 9 agosto 1991, omicidio voluto sinergicamente da 'Ndrangheta e Cosa nostra. La Procura antimafia di Reggio Calabria, infatti, ha notificato l'avviso di garanzia in carcere anche a Giuseppe De Stefano, di 50 anni, figlio del boss assassinato Paolo De Stefano, indicato come "capo crimine'" di Reggio, e boss di ultima generazione della 'Ndrangheta. Ieri, intanto, è stato conferito alla Polizia scientifica di Roma l'incarico per compiere l'accertamento tecnico sul fucile calibro 12, cartucce e involucri utilizzati per custodire l'arma che sarebbe stata utilizzato per uccidere Scopelliti.
L'arma è stata rinvenuta grazie alle dichiarazioni del collaboratore di giustizia catanese Maurizio Avola. Le analisi scientifiche, affidate dalla dal procuratore distrettuale di Reggio Calabria Giovanni Bombardieri e sottoscritto dagli aggiunti Gaetano Calogero Paci e Giuseppe Lombardo, avranno luogo il 4 aprile nella Capitale. Il provvedimento è stato comunicato ai difensori e ai consulenti dei 18 indagati, 11 calabresi e 7 siciliani, tra i quali figura anche il boss mafioso latitante Matteo Messina Denaro.

ARTICOLI CORRELATI

Omicidio Scopelliti: inchiesta riaperta. Nuovi elementi sul patto Cosa nostra-'Ndrangheta

Da Scopelliti alle stragi, Brusca sentito al processo 'Ndrangheta stragista

Figlia giudice Scopelliti: ''Sul sangue di mio padre si è siglata la pace tra 'Ndrangheta e Cosa Nostra''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy