Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Il boss di Brancaccio ha parlato di Berlusconi


Si parlerà anche del colloquio tra Fiammetta Borsellino e Giuseppe Graviano nel programma "Sekret", in onda su Iloft.it, che dal prossimo 23 maggio manderà in onda uno "Speciale Trattativa". Dopo la lettera su La Repubblica, in cui la figlia di Borsellino spiega le ragioni che l'hanno portata a voler incontrare i carnefici del padre, la televisione de "Il Fatto Quotidiano", fornisce ulteriori dettagli.
A quanto pare il boss di Brancaccio, già condannato per essere stato mandante delle stragi ed oggi sotto processo a Reggio Calabria ed indagato per la trattativa Stato-mafia, ha citato il nome dell'ex premier Silvio Berlusconi mentre parlava del periodo della sua latitanza a Milano nel ’93 insieme al fratello Filippo.
“Lo dicono tutti che frequentavo Berlusconi... - ha detto il capomafia per poi aggiungere - Più che io era mio cugino che lo frequentava’". Queste dichiarazioni, assolutamente inedite, ovviamente sono da interpretare e riscontrare. Al momento sono al vaglio dei magistrati che indagano sulle stragi del 1992 e del 1993, oltre che da quelli che indagano sulla trattativa, grazie alle videoregistrazioni di quel colloquio con Fiammetta Borsellino, nel carcere di Terni.
La storia de "I Gravianos" (questo sarà il titolo della puntata che andrà in onda), verrà affrontata, come ha detto lo stesso autore della video inchiesta, il vicedirettore de "Il Fatto Quotidiano" Marco Lillo, "senza tabù o preconcetti". Verranno ripercorse le indagini, i processi, per ricostruire quanto accadde nel biennio delle stragi fino ad arrivare al 1994, quando le bombe cessarono.
Interpellato dal Fatto, l'avvocato di Berlusconi, Niccolò Ghedini, ha detto: "Nessuno ci ha mostrato questa conversazione. Se esistesse bisognerebbe ascoltarla per verificare le reali parole di Graviano. Comunque lui sapeva di essere registrato e potrebbe avere depistato. A me non risulta nessun incontro di Berlusconi con Graviano o con qualcuno legato direttamente o indirettamente a lui. Tanto meno con un suo cugino noto”. Gli inquirenti sono al lavoro e non è escluso che la stessa Fiammetta Borsellino possa essere chiamata presto a deporre sul colloquio con Giuseppe Graviano.

In foto: l'autore del programma "Sekret", Marco Lillo (© Imagoeconomica)

ARTICOLI CORRELATI

Agli assassini di mio padre ho detto: raccontate la verità, solo così sarete uomini liberi

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy