Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

missile siria c ansadi AMDuemila
Intanto Israele ammette attacco alla base iraniana di Tayfun

La difesa antiaerea siriana avrebbe abbattuto ieri sera dei missili lanciati contro la base aerea siriana di Shayrat, nella provincia di Homs, e contro l’aeroporto militare di Dumair, a nord-est della capitale Damasco. Lo hanno riferito l’emittente televisiva statale siriana e i media filo-iraniani del gruppo libanese Hezbollah. In particolare la televisione dello Stato siriano ha mostrato le immagini di un missile sopra la base aerea di Homs; il fatto avviene a pochi giorni dall’attacco statunitense, britannico e francese contro obiettivi siriani, in rappresaglia per un presunto attacco chimico nella città di Douma, alla periferia di Damasco.
"È un'aggressione", ha affermato l'emittente. Ma secondo fonti militari della difesa aerea siriana, citate dall'agenzia tedesca Dpa, si sarebbe trattato di un falso allarme. Di forti esplosioni vicino alla base di Al Shayrat ha riferito anche l'Osservatorio siriano per i diritti umani. Un portavoce del Pentagono, tuttavia, ha smentito che l’attacco sia stato lanciato dalle forze degli Stati Uniti. Anche Israele si è smarcato ("Non sono al corrente di un simile incidente" ha commentato un portavoce delle forze armate) mentre ieri aveva ammesso le proprie responsabilità rispetto all'attacco avvenuto nella notte tra l'8 e il 9 aprile. Un alto ufficiale dell'esercito di Tel Aviv, rimasto anonimo, ha rivelato al New York Times che a colpire la base T4 - situata a est di Homs, che è l'area dell'attacco di stanotte - sono stati missili lanciati dall'esercito della stella di David.
Secondo quanto riferito da questa fonte al giornalista del New York Times, Thomas Friedman, "era la prima volta che attaccavamo obiettivi iraniani, comprese strutture militari e soldati". Il funzionario ha anche osservato che il raid sulla base aerea T-4 vicino a Palmyra, nel centro della Siria, è avvenuto dopo che l'Iran ha lanciato a febbraio un drone carico di esplosivi nello spazio aereo israeliano. Secondo quanto riferito, l'attacco ha preso di mira l'intero programma di droni iraniano presente nella base. I media iraniani hanno riferito di almeno 7 vittime tra i soldati del paese asiatico, su un totale di 14 morti provocati dal raid. Secondo quanto riferito dal funzionario, si è di fatto aperta una “nuova era” di scontri tra Israele e Iran.
Queste dichiarazioni sono giunte soltanto dopo che all’inizio della settimana Russia, Siria ed Iran hanno accusato Israele di aver colpito la base aerea siriana T-4.

Foto © Ansa

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy