Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Aaron Pettinari - Video
“Segnale ambiguo. Cassazione dimentica che è il Capo dei capi”

“Perché liberare Riina nel momento in cui potrebbe raccontare la verità alla fine della sua vita? C’è paura che possano venire fuori verità indicibili? Il segnale è ambiguo e la Cassazione dimentica che è il Capo dei capi”. Anche Antonio Ingroia, ex pm che indagò sulla trattativa Stato-mafia ed oggi avvocato, interviene in merito alla decisione della Cassazione che ha accolto il ricorso del difensore di Totò Riina, nel richiedere il differimento di pena o, in subordine, la detenzione domiciliare.



La Suprema Corte ha riconosciuto il "diritto a morire dignitosamente" del boss spiegando che il giudice deve verificare e motivare "se lo stato di detenzione carceraria comporti una sofferenza ed un'afflizione di tale intensità" da andare oltre la "legittima esecuzione di una pena". Ingroia, intervenuto alla presentazione del libro di Maurizio Torrealta, “Il filo dei giorni” presso La Feltrinelli di Palermo, ha criticato la decisione: “Non risulta da nessuna documentazione che Riina sia in fin di vita e si parla del Capo dei capi”.

ARTICOLI CORRELATI

Franco Roberti: ''Lui deve rimanere al 41 bis. È ancora il capo di Cosa nostra abbiamo le prove per dirlo''

La morte ''dignitosa'' di uno stragista e quel (gravissimo) segnale dello Stato

Riina: ''Parlo! Non parlo…magari esco''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy