Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

borsellino corteoVideo all'interno
di AMDuemila

Da Borsellino a Vauro le interviste di "Pianeta oggi Tv"
Pubblichiamo il servizio di Massimo Bonella, direttore di "PianetaOggiTv", sulla manifestazione #Rompereilsilenzio tenutasi a Roma il 14 novembre 2015 per chiedere alle Istituzioni di non isolare il Magistrato Nino Di Matteo. "Se Nino Di Matteo dovesse essere sconfitto sarebbe sconfitta l'intera democrazia" con queste parole Ferdinando Imposimato, l'ex giudice amico e collega di Falcone e Borsellino, intervistato da PianeOggiTV, invita tutti i cittadini a difendere i valori della Costituzione portati in alto da magistrati come quelli che stanno portando avanti il processo Trattativa Stato-mafia.

Anche il direttore di ANTIMAFIADuemila Giorgio Bongiovanni richiama all'impegno civile di "fare scudo e difendere questi grandi uomini" perchè come sottolinea l'attrice Loredana Cannata : "La più grande complicità è essere indifferenti, omertosi". Il giornalista e scrittore Oliviero Beha spiega che essere presenti in quella piazza significa esserci "anche per noi, per risvegliare un paese in coma". Un paese la cui capitale "Roma è diventata la capitale dello Stato-mafia" dice il collega giornalista e scrittore Saverio Lodato. Il fatto stesso di dover scendere in piazza per "chiedere la protezione di un magistrato che dovrebbe essere doverosamente protetto produce un grande senso di sconforto, perchè siamo di fronte ad un paese folle" sottolinea la scrittrice Anna Vinci. "Siamo orfani delle nostra Istituzioni ed in una giornata come questa, a seguito della strage di Parigi, tutta l'Europa avrebbe bisogno di stringersi attorno alle Istituzioni, ma è difficili se tacciono di fronte alle minacce a morte a Nino DI Matteo" sottolinea Salvatore Borsellino, fratello del giudice Paolo Borsellino e fondatore del Movimento Agende Rosse. "Siamo qui per chiedere che non ci sia un altra strage - dice l'ex magistrato Antonio Ingroia -stiamo assistendo a troppe stragi in Europa, da quelle dei migranti a quella di Parigi ieri, e troppi stati europei sono i principali responsabili di tutte queste stragi annunciate". In seguito ai drammatici avvenimenti del 13 novembre in Francia Vauro sottolinea come sebbene "oggi è una giornata intrisa di morte,  questa è una manifestazione di vita!".

Foto © Paolo Bassani

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy