Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il 14 maggio dello scorso anno l'operazione Eos ha dato l'input per indagare su due noti politici siciliani, l'assessore regionale Antonello Antinoro ed il deputato regionale Nino Dina, il primo con l'accusa di voto di scambio ed il secondo per concorso esterno in associazione mafiosa. La posizione di quest'ultimo è stata stralciata e potrebbe essere archiviata per insufficenza di prove, mentre lo scorso marzo è stato chiesto il rinvio a giudizio di Antinoro. Questi ha sempre sostenuto di avere pagato solo alcuni servizi che gli erano stati resi, fra gli altri, da Agostino Pizzuto, custode di Villa Malfitano e membro della cosca di Resuttana. Le intercettazioni ambientali e le dichiarazioni del pentito Visita hanno però fatto emergere un quadro del tutto diverso.

Di lui parlano proprio il Pizzuto ed Antonino Caruso, altro membro del clan di Resuttana.

Conversazione ambientale 31 marzo 2008 presso l'auto del Caruso

PIZZUTO: minchia intanto il partito è buono.

CARUSO: esatto, è Democrazia Cristiana.....tipo un seggio che loro hanno a Cinisi

PIZZUTO: ma tu come l'hai saputo ?

CARUSO: ma  lui  mi ha chiamato,  sono entrato la dentro e ho salutato. ah, dice ti deve  parlare mio figlio. Ho pensato sarà qualche cosa di ospedale..... dice...

PIZZUTO: minchia  però e' stata presa, però appena la palla torna  da me di nuovo gliela devo mandare. quella Pulla della, della innamorata di mio cugino con la famiglia. Minchia una "neglia".

CARUSO: ....dice (pausa), dice, .....incomp..... come si chiama .....dice: ti deve parlare mio figlio. Io gli ho detto:  zio Nino che c'è, che ha. Dice: ti sta bene questo nominativo ?  .... qual'è ?  abbiamo  chiamato oggi a Totò CINTOLA ! Ma per fare che ? ....incomp... fanno segnalazioni. ...incomp..... minchia, appena c'è un pezzo di carta non vi trovate  il verbale? ...incomp.... e hanno trovato verbali.

PIZZUTO: ...incomp....

CARUSO: ..incomp.....

PIZZUTO: perciò e  che fa ?

CARUSO: tu lo sai ..... che  c'è, che  incontro c'è, che riscontro c'è lì, ci sono posti di lavoro? ... cose. Mi devono dare, dice, un posto di lavoro mi hanno promesso che  facevano lavorare. Gli ho detto:  ma vedi che mio compare un posto di lavoro l'ha rifiutato ... e perché ?  perché stanno dando qualche cusuzza che la dobbiamo mandare al paese per i poverelli  che ..incomp....perché le mogli vanno a lavare le scale ....he....

PIZZUTO: non ti ha risposto

CARUSO: è morto ! e' morto di quello che ...incomp.....quando manca quello da casa la moglie devono stare sempre meglio e  vai a levargli questa situazione che ha in testa  lui .....

PIZZUTO: e che ha fatto.

CARUSO : è morto. Buono. ah, ah ..... ma io c'è il fatto che c'ho questa speranza

PIZZUTO: ma che speranza è prima viene chi è che non c'è. tu fuori comunque mangi ! 

CARUSO: compare dicci che convincono a loro ...... vedi che stanno sbagliando loro. Vedi che ora questa cosa dice: chi li manda. chi è e chi non è e per che cosa sono arrivate queste cose. Questa verrà discussa questa cosa. Non ti illudere ! eh ! questi li manda perché, perché gli hanno fatto quattro .... gli hanno fatto avere quattro voti,  ma   il tizio, il tizio, il tizio è tizio.. Ah ! ora noi abbiamo un numero di telefono che dobbiamo telefonare ad una persona che mi ha garantito fermi, e te lo, te lo dimostro di presenza venti voti a Pallavicino, al Villaggio Ruffini che voteranno Antinoro fermo. Punto e basta. ci andiamo assieme è una donna. Ci andiamo assieme e si chiama pure Caruso che insieme.....

PIZZUTO: io l'ho spento il telefonino vedi.

CARUSO: va be', di voti stiamo parlando e campagna elettorale.

PIZZUTO: no, lo so.

CARUSO: perché' di questi tempi in campagna elettorale oh!


Il giorno seguente, ovvero l'1 Aprile 2008, gli inquirenti acquisivano altri importanti spunti quando il Caruso raccontava al Pizzuto quello che era avvenuto la sera precedente ad una riunione per il candidato Faraone a cui avevano partecipato anche Letterio Ruvolo e Sergio Giannusa, membri della stessa famiglia mafiosa.


CARUSO: oh ! cioè ...incomp..... mio cugino......incomp....sono andato da Faraone ...incomp.... telefonò vieni, di qua e di la ... si ma io neanche mi sono fatto vedere da questo Faraone...neanche mi conosce è giusto ? da dove sono entrato, sono entrato, ho fatto finta che sono andato a prendere il caffè da mio cugino! e sono rimasto là due minuti. C'era Nino Busalacchi cose, c'era Ettoruccio, c'era u Sergio,  la era!

PIZZUTO: da Faraone?

CARUSO: da Faraone. Minchia  si gira Mi ha fatto: vedi che io sono qua per fare numero ..... ma pure io gli ho detto

PIZZUTO: chi te l'ha detto?

CARUSO: Sergio ! dice: per fare numero sono no...incomp....! gli ho detto: vedi che quello e' mio cugino, mi sono venuto a prendere il caffè e trovo questo  ...e poi c'e' mio nipote Rosario. Mi ha telefonato: vieni zio dice, vieni che ti vieni a  prendere il caffè.. e me lo sono andato a prendere. Eh...dice: questo Faraone qua dice.......c'era Ettoruccio seduto a lato, gli ho detto: Ettore, tu lo sai che devi votare per Antinoro...si poi dice parliamo. Ettore ci da una decina di voti....incomp..... poi si deve andare da questo di qua  si deve andare pure dallo Zio Vicè verso quel lato ....."".

Del resto ad ogni voto corrispondeva una quota d'incasso, rivelata qualche giorno dopo il 4 aprile 2008

CARUSO: dieci voti sono cinquecento  euro compà.

PIZZUTO: forse ci possiamo ...

CARUSO: dieci voti sono cinquecento euro. Oggi vieni .. dieci voti sono cinquecento euro.   Te lo sto  dicendo io! Vuoi salire da qua? 

PIZZUTO: si

CARUSO: qua sai ... io certe volte da qua non ... o bene o male le strade si fanno

PIZZUTO: questi sono quelli che ci dovevo venire io ... ci sono venuto due volte ...a vedere che ogni sera  ...incomp. ... ..

CARUSO: minchia non si cammina ... da dove prendi prendi ... è una vergogna, che schifo. .... onestamente, bello che te lo dico, a me quando tu gli hai detto  tre ... io minchia ho detto minchia tre buono è ! Minchia anche se dicevi due lo stesso era. Vedi che questo cristiano non ci ha dato niente a noi e noi non gli abbiamo dato niente ! E' buono che lo sai ... ma tu vedi che tre sono sei milioni e che noi li vediamo come tre milioni ... digli a Giovanni che la finisce ...

PIZZUTO: e lo Zio Vicè no?

CARUSO: lo zio Vicè pure .

PIZZUTO: dovevi dire cinque ... zio Vicè ma che minchia sta dicendo. No, questo dice ... ma "VOSSIA" dove deve andare ... perchè poi uno ... un voto non lo hanno raccolto, lo capisci?

CARUSO: e non lo raccolgono  un voto perchè non ne hanno loro voti , senti a tuo fratello.

PIZZUTO: capisci?

CARUSO: ora loro hanno voti delle loro mogli

PIZZUTO: quello di Ficarazzi si è messo a disposizione perchè io gli ho fatto un lavoro....

CARUSO: chi è?

Quindi il 12 aprile 2008, ovvero il giorno prima dell'avvio delle consultazioni elettorali, si intercettava una telefonata particolarmente significativa avvenuta tra Caruso e tale "Vincenzo" che rispondeva all'utenza in uso ad Antinoro. Il fine della telefonata era quello di assicurare, all'allora candidato, che la raccolta delle promesse di voto aveva avuto buon esito e che quindi i mafiosi ritenevano di aver dato una precisa risposta in merito al rispetto dell'accordo siglato in precedenza.

VINCENZO: pronto.

CARUSO: onorevole Antinoro?

VINCENZO: Vincenzo sono chi sei?

CARUSO: io Nino Caruso sono.

VINCENZO: eh  Nino, l'onorevole sta parlando che ha una riunione,  se chiami fra un altro poco te lo passo.

CARUSO: ma al ... al cellulare ce l'ha la ..... se più tardi......

VINCENZO: poi sul cellulare.

CARUSO: no, no il tre,tre, quattro, pure tu ce l'hai ?

VINCENZO: si, si.

CARUSO: vabbe più tardi richiamo. Eventualmente glielo riferisci tu. Aveva chiamato Nino CARUSO va bene?

VINCENZO:pronto?

CARUSO:comunque .... pronto?

VINCENZO: eh ! pronto?

CARUSO: pronto?

VINCENZO: pronto?

CARUSO: pronto ? io ti sento.

VINCENZO: si, che dicevi.

CARUSO: allora ... dicevo questo eventualmente lo riferisci: Ha chiamato Nino Caruso  comunque tutte le cose....

VINCENZO: va bene.

CARUSO:.....stanno andando nel migliore dei modi. Va bene?

VINCENZO: va bene. Okay.

CARUSO: stai tranquillo! poi magari più tardi lo chiamo, Va bene?

VINCENZO: riferisco.

CARUSO: ti saluto.......

VINCENZO: ciao.

CARUSO:ciao, ciao.

Il giorno successivo, ad elezioni avvenute, veniva registrata la conversazione ambientale in cui i boss di Resuttana esprimevano la propria soddisfazione per i patti rispettati.

CARUSO: no ... ad ANTINORO. Al civico .... quando c'è  al civico ... l'ospedale, di fronte. E c'è sua moglie, mia cognata ... sua cognata Rosetta, lui, suo figlio Rosolino,  insomma ha raccolto una decina di voti  ... uno che deve fare ...

PIZZUTO: noi discorsi ... di altri la non ne dobbiamo fare. Noi lo abbiamo servito.

CARUSO: Punto e basta ... no, no, così si fa. No, no, ripeto io ... ripeto  dov'è che lo abbiamo "NCUGNATO" lo hai capito?

PIZZUTO: e ... veda che ci siamo mossi gli ultimi quindici giorni ma l'abbiamo servita abbastanza bene negli ultimi quindici giorni ...

CARUSO: e questi sono i voti ... l'ultimo gioco il politico quello è.

PIZZUTO: aspè ma ognuno c'è che ha preso impegni o e pure solo ... la campagna elettorale non si fa così

CARUSO: no, compà ... no ... sbagli tu ... la campagna elettorale .. le ultime cartucce si danno (sparano) gli  ultimi quindici giorni giusti ... fermi ... ora quelli giusti ...

PIZZUTO: Nino tu lo scappato di casa vai a pigliare

CARUSO: no ... no .... ora ti spiego. Quando tu vai a fare due mesi prima la campagna elettorale

PIZZUTO: e poi ci si rifà ...

CARUSO: no ... quando uno è fermo ed è serio

PIZZUTO: ma che fermo e serio...

CARUSO: ed allora tu non puoi ... allora tu con i cristiani non ci puoi avere fiducia.

PIZZUTO: ma che ...

CARUSO: io se mi prendo un impegno lo devo mantenere. Io l'impegno l'ho mantenuto e ... e l'ho fatto ... ... l'impegno c'era perché giustamente quello ci ...  gli ha mandato una cosa  là.  

PIZZUTO: si è messo a disposizione

CARUSO: la ... ed io l'ho mantenuto, perché guai se non lo mantenevo  .. perché se no a questo punto perdevamo la faccia.  Perché si è dimostrato

PIZZUTO: ... incomp. ... ci ha aiutato

CARUSO: si è dimostrato corretto ed io ho dovuto rispondere a quello che lui.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy