Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Le intercettazioni all'interno del famoso box di lamiera, dove il boss del mandamento di Pagliarelli Nino Rotolo usava parlare durante gli arresti domiciliari con i suoi alleati, fornivano agli inquirenti interessanti spunti e riscontri alle indagini non solo dal punto di vista della mafia militare ma anche sul fronte dei suoi legami con la politica. Emergeva così che il primario della radiologia del Civico di Palermo, nonché deputato forzista all'Ars, Giovanni Mercadante era un riferimento importante della cupola mafiosa composta all'epoca dal triumvirato palermitano: Nino Rotolo, il palazzinaro dell'Uditore Franco Bonura e il capomafia di San Lorenzo Antonino Cinà, il medico di Salvatore Riina che nel 1992 consegnò il "papello" della Trattativa a don Vito Ciancimino. Giovanni Mercadante, secondo la sentenza di primo grado che lo ha condannato per associazione mafiosa, era il medico di fiducia di Provenzano. La sua elevatura sociale lo aveva portato ad essere rispettato dal vertice mafioso e ritenuto una persona di grande affidabilità anche dal secondogenito di casa Riina, Giuseppe Salvatore il quale intercettato a parlare con un uomo chiamato "Professore" si dilettava in discorsi di natura politica. Il rampollo di casa Riina confidava nell'esponente di Forza Italia per riuscire a "capovolgere" politicamente, dopo tanto tempo, le sorti di " Corleone".

Intercettazione del 14 aprile 2001.

Professore: Dico, ora ci dobbiamo vedere, anche perché, a livello politico... 

Riina: Si, eh...diamoci una mano di aiuto a questo, che siamo tutti organizzati in questa maniera

Professore: A chi?

Riina: Mercadante... Mercadante

Professore: Senti, io mi debbo incontrare con il Dottore Mercadante! Tra l'altro, Giovanni Mercadante è uno della mia stessa estrazione, solo che ultimamente non mi ha cercato, non so perché, forse qualcuno gli ha detto che io...

Riina: Faceva altre cose

Professore: Sono (incomprensibile)

Riina: Di chi?

Professore: Giovanni resta l'unico amico, io mi debbo incontrare con Giovanni, perché mi ha mandato tramite il dottore  (incomprensibile) quindi a sua volta si è ricordato, ora lui è passato a Forza Italia, comunque resta un amico...

Riina: Eh...

Professore: ... a cui fare riferimento

Riina: ... se abbiamo di bisogno lo troviamo!

Professore: Eh, ma eventualmente ora...

Riina: Ne parliamo tutti insieme

Professore: Ora vediamo di fare un incontro

Riina: Eh, e ne parla pure a...

Professore: E vediamo di riprendere un discorso serio per come...

Riina: Questo ci interessa a noi!

Professore: Perché guarda che io a Corleone sono ancora in condizione...

Riina: Noi la dobbiamo capovolgere di nuovo Corleone!

Professore: ...di avvicinare le persone che oggi... nessuno della vecchia politica può avvicinare

Riina: C'è questo discorso che... nessuno si calcola più tra di loro, invece dobbiamo fare la coalizione, perché il gruppo...

Professore: No, tra di noi Corleonesi, dai, non succede

Riina: Non succede

Professore: Mentre uno di fuori può...

Riina: Il gruppo da la forza

Professore: Ecco, bravo, hai visto...

Riina: Arrivederla

Professore: Forse bisogna iniziare da lì

Riina: Da lì bisogna iniziare, all'antica!

Professore: Ok, ciao, vediamo di poterla fare una cosa

Riina: Arrivederla!

ANTIMAFIADuemila N°50

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy