Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I grandi scandali ambientali, dal cemento impoverito alle navi dei veleni, ai traffici di rifiuti tossici e radioattivi, sono stati svelati dalle intercettazioni telefoniche.
Tra queste, una delle più significative è sicuramente quella che testimonia il dialogo tra due boss che parlano di rifiuti tossici scaricati in mare e agli atti di indagini condotte dalla Dda di Reggio Calabria. Un breve scambio di battute che racchiude in sé una verità agghiacciante.

Boss 1 "Basta essere furbi, aspettare delle giornate di mare giusto, e chi vuoi che se ne accorga?”
Boss 2 “E il mare?”
Boss 1 “Ma sai quanto ce ne fottiamo del mare? Pensa ai soldi, che con quelli il mare andiamo a trovarcelo da un'altra parte…".


Particolarmente significativa anche la conversazione riportata nelle carte dell'inchiesta “Arca”, condotta dalla stessa Dda sui lavori della Salerno-Reggio Calabria. Uno dei tecnici intercettati dai magistrati, alla richiesta di un operaio che riferisce di aumenti di costi in un cantiere risponde:

“No, no, no, mettigli mondezza, mettigli porcherie, tutto quanto...".


E ancora:

“Là stanno proseguendo, dovrebbero essere a buon punto, perché ieri ho fatto il conto e hanno portato circa 800 metri cubi solo ieri. Di mondezza".

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy