Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Indice articoli


Un affare d’oro con Ciancio. E la Dia indaga.

Dall’intensa attività di intercettazione è emerso poi uno spaccato piuttosto interessante degli interessi dell’imprenditore Antonello Giostra anche su Catania. Nel corso di una conversazione telefonica con il socio Ripa Nicolò, all’attenzione degli inquirenti per i suoi rapporti con Antonino Sfameni (figlio del più noto Santo Sfameni, attualmente imputato per associazione mafiosa ndr.), il Giostra apprende che un tale Natale, sedicente ingegnere, era in cerca di un terreno per conto del gruppo Rinascente nella zona di Capaci. Interessato, questi suggerisce al giovane imprenditore di reperire ulteriori informazioni in merito, cosa che il Ripa esegue immediatamente. Proprio durante quella telefonata gli investigatori apprendevano “incidentalmente” che Ripa e Giostra erano impegnati nel reperimento di aree nel territorio di Catania sempre per edificare ipermercati. Nel corso di un’altra telefonata – risalente al 20.12.2000 – poi, il Giostra, parlando con Ripa, fa esplicito riferimento ad un mediatore, tale Fiume, e ad un’area di estremo interesse economico nella zona di Misterbianco. Ripa precisava di aver saputo da tale mediatore che quel terreno apparteneva a Mario Ciancio Sanfilippo, il noto editore catanese.
Ripa: “… e Fiume mi ha detto che è quello là di Ciancio”
Giostra: “vada a guardare eh se è Ciancio, Ciancio, trattiamo con Ciancio, se non è Ciancio trattiamo con un altro insomma”.
Tre mesi più tardi, il 30 marzo 2001, sempre il Giostra, dialogando con un soggetto non ancora identificato, riferiva – si legge nell’ordinanza – “di essere stato con  Ciancio, il quale gli aveva fatto vedere due terreni, uno vicino all’aeroporto di 300.000 metri quadrati e l’altro, sempre della stessa dimensione, ‘dove c’è l’autogrill’. L’imprenditore precisava che Ciancio avrebbe garantito per tutte le autorizzazioni possibili ed immaginabili, senza pretendere una lira fino all’inizio dei lavori: l’accordo sarebbe stato siglato la prossima settimana”.
L’episodio in argomento – precisa il giudice – “costituisce il preludio del rapporto di affari che si è instaurato fra il Giostra e l’editore catanese Ciancio, oggetto di approfondimenti investigativi da parte del Centro Operativo DIA di Catania, coordinato in tale attività dalla DDA di quella città”.

Anna Petrozzi

Tratto da ANTIMAFIADuemila N°2 - 2005

Video

  • All
  • Antonio Ingroia
  • Camorra
  • Cosa Nostra
  • Gioco D'azzardo
  • Pietro Riggio
  • Salvatore Borsellino
  • Video

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

...

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

by Letizia Battaglia, Sabrina Pisu

...


MAGISTROPOLI

MAGISTROPOLI

by Antonio Massari

...

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

by Gianluigi Nuzzi

...


OSSIGENO ILLEGALE

OSSIGENO ILLEGALE

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

...


LA STRAGE CONTINUA

LA STRAGE CONTINUA

by Raffaella Fanelli

...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy