Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Alla vigilia del quarto anniversario dall’uccisione della giornalista maltese Daphne Caruana Galizia, fatta saltare in aria da un sistema corruttivo che, attraverso un’azione di forza plateale, mirava a zittire per sempre l’informazione libera, ho voluto chiacchierare con un amico e collega, Manuel Delia, che oggi vive la paura, la minaccia, la precarietà che Daphne visse anni fa.
Manuel ha deciso di fare il giornalista subito dopo quell’assassinio. Manuel oggi continua a scrivere aiutato dal crowfunding e riceve minacce ed azioni ritorsive da chi si trova in carcere quale mandante dell’omicidio di Daphne. 
Manuel è costretto a lasciare il suo Paese, la sua famiglia, i suoi figli, per fare il suo lavoro sotto protezione in un altro Paese d’Europa.
Manuel ha paura, per il mondo che stiamo consegnando alle nuove generazioni, ma non arretra di un passo. “Valeva la pena provarci”.

Si avvicina l’anniversario dell’uccisione di Daphne, da allora ad oggi, cosa è cambiato a Malta per l’informazione e per la stampa?
“Viviamo in un paese in cui una giornalista è stata uccisa a causa del suo lavoro. Questo ha cambiato tutto. All’inizio erano solo la sua famiglia e i suoi sostenitori a dirlo.
Quest’anno anche un’inchiesta pubblica indipendente coordinata da 3 giudici nominati dall’allora primo ministro Joseph Muscat ha pubblicato le proprie conclusioni. Hanno ritenuto Joseph Muscat e i suoi ministri responsabili del clima di impunità che ha permesso l’uccisione di Daphne Caruana Galizia. Lo Stato maltese ha ritenuto lo Stato maltese responsabile dell’uccisione di una giornalista!
L’inchiesta ha anche scoperto che la polizia non ha protetto Daphne. Non avevano un sistema adeguato di monitoraggio della sicurezza dei giornalisti. Ha trovato giornalisti esposti alla minaccia e talvolta all’azione di cause legali rovinose volte a farli tacere. Hanno trovato i media maltesi in difficoltà finanziarie e permeabili alla manipolazione e spesso al controllo del governo.
Quando Daphne fu uccisa, i suoi assassini volevano seppellire i loro segreti con lei. Invece, i loro segreti sono stati svelati. Questo ha mostrato a tutti che uccidere un giornalista è un cattivo modo per sbarazzarsi delle loro storie.
Ma quei ministri che l’inchiesta ha ritenuto responsabili di aver permesso l’uccisione di Daphne sono ancora ministri del governo adesso. La corruzione è ancora diffusa e la giustizia per le storie di Daphne è ancora molto lontana.
Il pericolo è ancora lì. Per certi versi, il pericolo è maggiore. Alcuni dei mafiosi che hanno ucciso Daphne sono topi messi all’angolo, temendo le conseguenze delle loro azioni. Non è improbabile che faranno tutto il possibile per sopravvivere e i giornalisti sono in prima linea”.

Che clima vivono i colleghi e quali rischi ci sono per la democrazia?
“Per i giornalisti che fanno pressione sulla criminalità organizzata e sulla corruzione, qui le cose possono diventare difficili. Oltre alla bassa retribuzione e all’insicurezza del lavoro, i bulli usano i tribunali o persino la minaccia di azioni legali per fermarci. Alcuni di noi sono stati citati in giudizio al di fuori di Malta da soggetti che usano Malta per i loro crimini ma che hanno accesso a risorse legali al di fuori di essa. È conveniente che i partiti politici, in particolare il partito di governo, ci screditino. Siamo spesso accusati di tradimento perpetrato parlando “male” di Malta al di fuori del paese, proprio come starei facendo io in questa intervista con te. Il partito di governo usa la sua stazione televisiva per fornire quelle che chiamano “notizie”, ma è davvero propaganda vecchio stile in cui i fatti sono distorti e talvolta fabbricati.
Più recentemente stiamo affrontando un attacco tecnologico anonimo, i nostri siti web e i nostri account di posta elettronica violati e mail false inviate col nostro nome che ci fanno sembrare pazzi, o addirittura di supporto ai criminali. Non può esserci democrazia senza un consenso di base diffuso sulla verità. Poiché i giornalisti vengono messi a tacere o i loro scritti e resoconti vengono distorti in modo irriconoscibile, ai cittadini viene impedito di esprimere un giudizio dopo essersi realmente informati. Ci stiamo avvicinando di nuovo alle elezioni qui a Malta e l’orrore del 2017, mesi prima che Daphne fosse uccisa, sta accadendo di nuovo. È quasi certo che, nonostante tutta la corruzione, gli arresti, persino l’uccisione di un giornalista di cui lo Stato è stato ritenuto responsabile, il partito di governo sembri destinato a vincere ancora con una maggioranza ancora maggiore.
Questo, se non altro, è un segno sicuro che la nostra democrazia è ora disfunzionale”.

Come vivi? Riesci a fare il tuo lavoro o no?
“Faccio il mio lavoro come posso. Lavoro da solo, il che significa che per vivere dipendo dalle donazioni dei lettori. Non è molto ma con l’aiuto di mia moglie ci riesco. Nelle ultime settimane le cose si sono un po’ complicate perché sono diventato chiaramente il bersaglio di una campagna di Yorgen Fenech, l’uomo che è in carcere dal 2019 in attesa di processo per aver ordinato l’uccisione di Daphne Caruana Galizia. In tribunale ha chiesto alla polizia di aprire un’indagine penale contro di me. E anche se ovviamente non posso provare che ci sia lui dietro, c’è stata una campagna di e-mail false e copie false del mio sito web fatte per confermare ciò che dice su di me, come ad esempio che ho fatto pressione sui giudici per decidere contro lui, e sui pubblici ministeri o agenti di polizia per incastrarlo. Questo è successo quando ho scoperto che quando era ancora in libertà ha parlato con avvocati dal Regno Unito e ha pianificato di farmi causa a Londra per un’enorme somma di denaro che anche lui ha descritto come “assurda”. Mi è stato detto che sarebbe stato qualcosa come 70 milioni di sterline. Avrebbero potuto essere £ 70.000. Sarebbe stata la fine del mio lavoro”.

Cosa temi per te e la tua famiglia?
“Finché c’è un’intimidazione legale o online, probabilmente posso conviverci. Posso solo sperare che non diventi fisica. Mia moglie è già stata aggredita fisicamente in pieno giorno qualche tempo fa. È stato un assalto da parte di fanatici sostenitori del Partito Laburista che pensavano di fare bene a ferire qualcuno che percepivano essere contro il partito.
Alcune fiction su di me vengono trasmesse sulla stazione televisiva del Partito Laburista a cadenza quasi settimanale, anche più volte alla settimana. Sono accusato di “controllare” il partito di opposizione come burattini sulle mie corde, che è simile alla demonizzazione che Daphne era solita ricevere. Ho il relativo vantaggio di essere un uomo e quindi esentato dal tipo di pregiudizio di una società misogina. Ma temo che con il sentore di una imminente elezione qualcuno, anche agendo di propria iniziativa, potrebbe avere l’idea che ferire me o la mia famiglia sarebbe un atto di eroismo”.

Che tipo di minacce percepisci?
“Sono minacciato dai criminali dentro e fuori il carcere. Più seriamente, sono minacciato dall’atmosfera di impunità in cui operano questi criminali. Sono abilitati da un partito politico al governo che esiste per perpetuare il proprio potere e gestisce la propria TV e i propri media per screditare persone come me.
Se non devo essere creduto e se devo essere percepito come un nemico del popolo assetato di potere, allora sarò tagliato fuori dai miei lettori e dai cittadini che servo. Se sono isolato, sono in pericolo. Sarei irresponsabile se non avessi paura”.

Chi ti aiuta davvero?
“Altri giornalisti. Molti nella nostra comunità qui hanno imparato lezioni importanti da quello che è successo a Daphne. Nel momento in cui i giornalisti indipendenti si sono resi conto di cosa mi stava succedendo, si sono fatti avanti. Hanno denunciato le minacce. Li hanno condannati. Hanno espresso solidarietà apertamente e pubblicamente. E hanno invitato il governo ad agire.
Attivisti della società civile a Malta e all’estero che hanno intensificato la pressione sulle autorità affinché agiscano e non proseguano come se queste minacce fossero accettabili in una democrazia. Infatti, dopo molti giorni di ostinato silenzio, il primo ministro maltese Robert Abela ha descritto gli attacchi informatici come “inaccettabili in una democrazia”. È stato uno sviluppo della faccenda molto gradito. Quanto alla polizia maltese, devo dire che le cose sono diverse rispetto agli anni prima e subito dopo l’assassinio di Daphne. Hanno mostrato interesse per il mio caso e spero che le loro indagini arrivino da qualche parte.
Il Centro europeo per la stampa e la libertà dei media (ECMPF) sta finanziando la mia difesa nel caso giudiziario in Bulgaria e mi stanno aiutando a trascorrere un po’ di tempo fuori Malta in un posto sicuro fino a quando, si spera, le cose non andranno un po’ meglio”.

Di cosa ha bisogno Malta?
“Giornalisti formati, protetti, ben finanziati, liberi, competenti, critici e indipendenti. Malta ha bisogno di una popolazione che apprezzi a cosa servono i giornalisti, che le loro indagini hanno lo scopo di smascherare il brutto e questo non è un male ma, piuttosto, un servizio al Paese. Leggi antimafia e istituzioni di polizia e giudiziarie formate, attrezzate e dotate di risorse per sconfiggere la criminalità organizzata.
E Malta ha bisogno di meno fanatismo politico, cieca deferenza verso i politici schiavi delle grandi imprese e vulnerabili alle infiltrazioni criminali. È un compito arduo”.

Di cosa ha bisogno Manuel?
“Di essere abbastanza sicuro per fare il mio lavoro. Mi sto aiutando e starò lontano dal paese per un po’ di tempo, allontanandomi dal calore dalla mia famiglia. Ma non dovrebbe essere così. Siamo dalla parte giusta”.

Qual è la tua paura più grande?
“Più che di paura, parlerò della mia più grande delusione. Penso che l’intimidazione dei giornalisti funzioni nel suo scopo di ridurre la capacità del pubblico di scoprire tutto ciò di cui ha bisogno per prendere decisioni democratiche informate.
Penso che ci siano molte persone là fuori che diventerebbero grandi giornalisti se il lavoro fosse pagato meglio, fosse meno insicuro, non fosse oggetto di derisione pubblica e disprezzo immeritato e, soprattutto, non fosse così pericoloso.
Penso che non siamo abbastanza per stare al passo con ciò che accade realmente nel nostro paese ed è per questo che la nostra democrazia ne soffre già”.

Malta fatica a riconoscere l’esistenza della mafia. Perché?
“Quattro anni fa, quando il termine “Stato mafioso” è stato usato per la prima volta per descrivere Malta poche ore dopo l’uccisione di Daphne, quasi tutti hanno reagito pensando che si trattasse di un’esagerazione. La mafia era vista come qualcosa che accade in Sicilia oa New York, o più probabilmente nei film.
Impariamo dall’esperienza italiana che il modo migliore per far prosperare la mafia è convincere tutti che non esiste. Al posto dei mafiosi vediamo “investitori”, “imprenditori”, “filantropi”, “poliziotti”, “creatori di posti di lavoro” e “politici”.
Questo sta lentamente cambiando. Per la prima volta con il rapporto di inchiesta indipendente Daphne Caruana Galizia, un’istituzione statale ha riconosciuto che Malta ha bisogno di fare sul serio nella lotta alla mafia.
Ora dobbiamo persuadere il resto della popolazione che dobbiamo farlo. Siamo ancora molto lontani”.

Quando hai deciso di fare il giornalista?
“Pochi minuti dopo le 15 del 16 ottobre 2017, quando ho saputo che Daphne Caruana Galizia è stata uccisa. Una voce importante che si sforzava di preservare la nostra democrazia era stata messa a tacere. Sapevo che allora non potevo recuperare la perdita. Anche dopo quattro anni di lavoro non ho neanche lontanamente le sue incredibili capacità di giornalista, scrittrice, critica e analista.
Non potrei mai riempire il vuoto che ha lasciato. Il mio meglio è fare tutto quello che potevo fare, e ci sto ancora provando”.

Cosa vedi davanti a te, nel tuo futuro?
“Forse è un po’ facile dire che spero in giorni migliori. Ho figli e mi piacerebbe che crescessero in una società giusta con un senso di giusto e sbagliato. Potrei dire che lo sto facendo per loro e per il loro futuro, piuttosto che solo per il mio.
Ma penso che la risposta debba essere più semplice. Lo sto facendo per il momento. Non sopporto l’ingiustizia di tutto ciò, che i truffatori la facciano franca con i loro crimini perché hanno potere, denaro e influenza, mentre il resto di noi è costretto a pagare per la loro avidità.
Quindi, penso di essere meno motivato dal futuro di quanto non lo sia semplicemente da quanto mi faccia arrabbiare il presente. Non ho grandi illusioni di poter cambiare molto. Ma non potevo sopportare di non provare”.

Foto: lovingmalta.it

Tratto da: articolo21.org

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy