Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Maria Grazia Mazzola è una delle inviate più prestigiose del Tg1, che ha firmato i reportage su cosa nostra sin dai tempi delle stragi del 1992.
Il 9 febbraio 2018 la giornalista raggiunse l'abitazione del boss Lorenzo Caldarola e chiese alla moglie di poterle fare alcune domande sul figlio che era stato arrestato. La donna reagì con violenza, colpendo la Mazzola con un pugno. Sulla base di relazioni medico-legali le venne riscontrata la frattura della mandibola. Ancora oggi Maria Grazia soffre di un edema sottocutaneo che non si è riassorbito e patisce per il danno alla sua salute.
Il processo per l’aggressione sta per concludersi, ma rimane l’attentato alla libertà di stampa per mettere a tacere una coraggiosa e brava giornalista violando la sua incolumità.

Tratto da: facebook.com/CataniaBene

Foto tratta da Stamparomana

ARTICOLI CORRELATI

Aggressione a Maria Grazia Mazzola, chiesti 4 anni e 6 mesi per moglie boss

Aggressione a Maria Grazia Mazzola, il 18 febbraio la requisitoria

Maria Grazia Mazzola: ''Più tutele per i giornalisti, più informazione per il Paese''

Archiviata la denuncia della moglie del boss contro la giornalista Maria Grazia Mazzola

 

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy