Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Calogero Zucchetto era un giovane investigatore della squadra mobile di Palermo, un vero fuoriclasse nonostante i sui 27 anni. Aveva collaborato con il commissario Ninni Cassarà al "rapporto Greco Michele + 161" che descriveva il nuovo assetto di cosa nostra dopo l’inizio della guerra di mafia del 1981.
Il 14 novembre 1982, una domenica sera, mentre usciva dal bar "Collica" nella centrale via Notarbartolo di Palermo, due killer in sella ad una moto lo uccisero con cinque colpi di pistola alla testa. Si trattava di Pino Greco detto "scarpuzzedda" e Mario Prestifilippo, che il giovane agente conosceva bene e tampinava con le sue indagini.
Anni dopo furono condannati come mandanti i componenti della cupola mafiosa di Cosa Nostra, tra cui Totò Riina, Bernardo Provenzano e Raffaele Ganci.
Tutti d’accordo nel massacrare un ragazzo, un giovane agente di 27 anni che aveva dato fastidio così in alto al vertice della mafia.
Potremmo dire che lo Stato lo aveva lasciato solo, ma in verità in quel momento a Palermo lo Stato era lui: un ragazzino che andava in giro con un motorino per i vicoli per combattere contro un nemico molto più potente ed organizzato.

Tratto da: facebook.com

ARTICOLI CORRELATI

Calogero Zucchetto: il poliziotto che dava la caccia ai latitanti

Ti potrebbe interessare...

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy