Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Annalisa Insardà
-A quanti si sono sempre sentiti al di sopra della legge chiedo: e adesso? Adesso che siete "costretti" a osservarla, lo capite, adesso, che rispettare la legge non è da perdenti ma è segno di responsabilità e libertà?
-A quanti hanno esercitato il male chiedo: e adesso? Che vantaggio avete adesso per quello che avete fatto?
-A quanti hanno rubato chiedo: e adesso? Come ve la godete questa ricchezza? Non è servita la morte per separarvi dai vostri beni, è bastata la vita.
-A quanti hanno infranto sogni e promesse, mentendo per proprio malato tornaconto chiedo: e adesso? Quel tornaconto? Come pensate di poter guarire dai rimorsi per tornare a dare valore alle vostre esistenze?
-A quanti non hanno avuto tempo da passare con i genitori per via della rincorsa al successo chiedo: e adesso? Chi vi restituirà questo bene, l'unico ad essere immortale?
-A quanti hanno governato e fatto accordi col diavolo per rimpinguare i loro conti correnti chedo: e adesso? Su chi eserciate il vostro potere? Sui lampioni? Sulle panchine vuote? Su qualche randagio spaesato dal mortale silenzio delle città?
-A quanti hanno fatto di tutto per screditare il prossimo chiedo: e adesso? Adesso che avete bisogno di quel prossimo?
-A quanti hanno tradito le mogli: e adesso? Ricordate adesso il senso di quei giuramenti?
A quanti hanno tradito i mariti chiedo: e adesso? Ricordate adesso il senso di quei giuramenti?
-A quanti hanno giudicato la moralità altrui chiedo: e adesso? Capite adesso quanto il vostro giudizio sia stato tempo sprecato a condannare la pagliuzza nell'occhio altrui? La vostra insopportabile trave, come la trasportate adesso?
-A chi non è mai stato empatico chiedo: e adesso? Capite che anche senza volerlo state salvando la vita di tutti?
-A chi è sempre stato asociale chiedo: e adesso? Lo capite adesso che tutti si stanno impegnando a salvarvi la vita?
-A chi è sempre stato misantropo chiedo: e adesso? Adesso che la solitudine non è più una scelta ma una condizione?
-A chi è sempre stato narcisista chiedo: e adesso? Adesso che siete solo foto senza né anima né corpo?
-A chi è sempre stato invidioso chiedo: e adesso? Adesso che siete sulla stessa barca di chi avete invidiato, pronta a affondare con voi sopra, adesso vi sentite appagati? Adesso giustizia è fatta?
-A chi ha ucciso chiedo: e adesso? Adesso che la vita ha finalmente ripreso il suo vero valore, adesso che ognuno pensa alla vita, come vivrete la vostra condizione di reietti?
-A chi ha calpestato il mondo per il successo chiedo: e adesso? Siete popolari desso dentro le vostre quarantene?
-A chi non è stato leale e si è venduto amici e familiari pur di ottenere un risultato chiedo: e adesso? Adesso che non potete riacquistare quello che avete dato via con tanta leggerezza?
-A chi è violento con la moglie, col marito, coi figli, coi genitori, coi nonni chiedo: e adesso? Adesso che avreste solo bisogno di loro?
-A quanti hanno inquinato l'ambiente e le vite delle persone chiedo: e adesso? Adesso che siete costretti nelle vostre lussuose ville e avete corridoi più lunghi, la sentite per le stanze la puzza della morte di cui sono fatti i vostri muri?
-A quanti non hanno offerto una possibilità dall'alto del loro ruolo sociale chiedo: e adesso? Chi vi riconosce quel ruolo sociale? Adesso che la vostra vita vale quanto quella di chi avete mortificato e scartato, chi vi riconosce come esseri di comando? Che valore avete adesso?
-A quanti hanno osannato e celebrato e si sono asserviti alla persone di potere per entrare nelle loro grazie chiedo: lo capite adesso che non erano e non sono immortali?
-A quanti hanno sempre disprezzato gli altri chiedo: lo capite quanto senza gli altri voi non siete nulla?

Solo trenta giorni fa - trenta! - l'Italia, il mondo, non erano ancora chiusi alla socialità; ma se penso all'indifferenza di trenta giorni fa e alla solidarietà di trenta giorni dopo, capisco la grandezza e la pochezza dell'Umanità, che di fatto può porre in essere cambiamenti con una certa rapida disinvoltura. Ma dov'è la volontà?

Umanità è quando ognuno si prende in carico la responsabilità di qualcun altro.
Umanità - sebbene siamo sette miliardi - è un termine al singolare.
E singolare significa "uno", solo uno.
È quando matura la consapevolezza che cambiano le stagioni.
Benvenuta primavera.

Foto © Paolo Bassani

Ti potrebbe interessare...

A Cuffaro ''la mafia fa schifo'', ma...

La politica degli ''affari privati''

Quello che sappiamo grazie ad Assange

Sfida

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos