Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di don Luigi Ciotti
Radio Radicale è un patrimonio del nostro Paese. Patrimonio perché dal 1975, anno della fondazione, ha svolto un ruolo prezioso di servizio pubblico nel segno di un’informazione attenta, meticolosa, approfondita e mai condizionata da interessi di parte. Un’informazione che si è sempre posta il problema di documentare le questioni politiche e sociali dando spazio a tutte le voci affinché il cittadino potesse approfondire, confrontare e da lì maturare scelte libere e consapevoli. La diffusione della conoscenza e la stimolazione dello spirito critico - prerogative di una vera democrazia - hanno rappresentato la sua missione e il suo orizzonte etico e professionale.
Ecco perché oggi dobbiamo mobilitarci, far sentire la nostra voce per tutelare questa realtà e metterla nelle condizioni di continuare il suo prezioso servizio. Radio Radicale ci ha insegnato a essere più radicalmente e responsabilmente cittadini: come cittadini non possiamo restare zitti e inerti di fronte a chi, per calcolo politico e di potere, vuole imbavagliarla.

Tratto da: repubblica.it

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Salviamo Radio Radicale!

Massimo Bordin, un leale garantista radicale - di Saverio Lodato

Il 21 Aprile a Roma insieme per salvare Radio Radicale

La furia del Governo contro Radio Radicale. Fnsi: ''Crociata di Crimi''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy