Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Antonio Castaldo - Video
Il magistrato sulle cui inchieste è basata la fiction «Il cacciatore», prosciolto in fase di indagini penali, è stato condannato dalla Corte dei Conti a risarcimenti milionari



Alfonso Sabella, il magistrato siciliano sulle cui inchieste è basata la fiction «Il cacciatore», autore di una serie impressionante di importanti arresti, terminata la sua esperienza a Palermo, era stato ispettore del Dap. In questa veste aveva coordinato le strutture penitenziarie coinvolte nell'organizzazione del G8 di Genova. Prosciolto in fase di indagine penale per i fatti della caserma Bolzaneto, è stato condannato dalla Corte dei Conti a 12 milioni di euro, poi ridotti a circa 2 milioni, di risarcimenti per le parti offese. Il caso segnalato nell’ultimo numero di Vanity Fair.

Tratto da: video.corriere.it

ARTICOLI CORRELATI

Alfonso Sabella: «Mi hanno condannato a morte»

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy