Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

giacalone rino 20151019di Carmelo Miceli*
Domani in Cassazione si discute l'assoluzione del giornalista Rino Giacalone dalla diffamazione nei confronti del boss Mariano Agate. La Procura di Trapani ha fatto ricorso dinanzi alla massima corte. Riportiamo di seguito il post pubblicato su Fb dall'avv. Carmelo Miceli, difensore di Giacalone assieme agli avvocati Enza Rando (presente domani in Cassazione) e Domenico Grassa. Come è noto il giudice ha assolto Rino Giacalone con riferimento all'articolo 21 della Costituzione.

Diceva Peppino Impastato:
"La Mafia è una montagna di merda".

La frase è nota e, secondo i più, oramai sdoganata, condivisa e condivisibile, lecita e possibile....
Giusta.

Ma siamo sicuri che sia così?
Siamo sicuri che non si sia sdoganato solo il dato letterale e impersonale della frase e non l'essenza della stessa?
Siamo sicuri che sia condiviso e condivisibile, lecito e possibile, giusto, appellare come "montagna di merda" la mafia, indicata come associazione impersonale, e che sia altrettanto condiviso e condivisibile, giusto, lecito e, soprattutto, possibile dire "pezzo di merda" ad un mafioso individuandolo con tanto di nome e cognome?

Me lo chiedo perché conosco un giornalista che, attualmente, è sotto processo per diffamazione perché, nel giorno della morte di Mariano Agate, ha pubblicato un articolo nel quale ha scritto "oggi è morto un gran bel pezzo di merda".

Proprio così!
C'è un giornalista che è sotto processo perché, secondo l'impostazione della Procura della Repubblica, HA OFFESO LA REPUTAZIONE DI MARIANO AGATE appellandolo come "gran bel pezzo di merda".

Ah si?
Sì!
E allora torniamo al ragionamento che facevamo all'inizio (ragionamento che è lo stesso posto alla base dell'articolo "incriminato") e facciamoci alcune domande:

1) Mariano Agate è stato indubbiamente un gran bel pezzo di storia di "cosa nostra"?
Risposta: Sì!

2) "cosa nostra" è una montagna di merda?
Risposta: Sì! Lo dicono Tutti!

3) si può dire che, con la morte di Mariano Agate, è morto un gran pezzo di storia di cosa nostra quindi "un gran bel pezzo di merda"?
Risposta: fermi prima di dire Si! c'è un processo in corso!! Sarà deciso, nel Nome del Popolo Italiano!

E allora aspettiamo.
Io, intanto, difendo convintamente il giornalista, certo di sapere cosa avrebbe pensato a riguardo Peppino Impastato!

* legale di Rino Giacalone

In foto:
il giornalista Rino Giacalone

ARTICOLI CORRELATI

Mariano Agate ''un gran bel pezzo di merda'' si può dire. Assolto Rino Giacalone

Giacalone, il processo si poteva evitare

Le sentenze che raccontano chi è stato il boss Agate

Riprende il processo al giornalista Rino Giacalone, querelato dai familiari del boss Agate

 
Vedova Agate contro Rino Giacalone: la dichiarazione spontanea del giornalista

Ti potrebbe interessare...

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos