Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Bisogna eliminare alcune leggi che stanno demotivando nuovi collaboratori di giustizia, e mi riferisco alla legge sull'ergastolo ostativo, e quelle che puntano a ridimensionare alcuni strumenti fondamentali nella lotta alla mafia, come il 41bis". Così l'ex procuratore generale di Palermo Roberto Scarpinato, oggi capolista del M5s nel Capoluogo per il Senato, rispondendo alle domande dei cronisti a margine di una conferenza stampa. "Non bisogna abbassare la guardia nel contrasto alla corruzione che è diventata lo strumento privilegiato attraverso il quale le mafie entrano negli apparati istituzionali e nell'economia - ha aggiunto Scarpinato - e poi bisogna smetterla di fare leggi e proposte che mirano a limitare l'indipendenza della magistratura: questo Paese ha avuto Falcone e Borsellino perché c'era una Costituzione che garantiva la loro indipendenza".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Scarpinato: “Cultura dell’omertà legittimata da chi non sopporta la Costituzione”

L’ex procuratore generale di Palermo, candidato 5Stelle al Senato, intervenuto alla festa de Il Fatto Quotidiano

Elezioni politiche, Scarpinato: ''Sta tornando in auge la borghesia mafiosa''

Elezioni politiche: Italia nella morsa della mafia e della corruzione
Di Giorgio Bongiovanni

Ti potrebbe interessare...

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy