Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

È passato un anno dalla morte di un grande giornalista, collega e amico, Giulietto Chiesa.
Giulietto era un uomo di grande energia che cercava sempre di costruire una rete di relazioni umane e politiche con l’urgenza di rispondere per tempo alle drammatiche sfide contemporanee, nel tempo in cui - come amava dire - «l’Uomo per la prima volta ha perturbato l’Universo». Da uomo pensante e libero arrivava prima di molti altri a leggere la filigrana degli eventi.
Chiunque aveva il piacere di ascoltarlo, si ritrovava ad essere affascinato dalla sua lucidità, energia e capacità giornalistica. Il suo lascito ideale ci parla della necessità di creare un’aggregazione di persone che riporti il mondo - oggi in corsa verso le catastrofi e le guerre - ad avere «il passo dell’essere umano».
Era un maestro di un'intelligenza rara. Non intendiamo perdere l’insegnamento di un metodo critico coraggioso, che servirà anche alle generazioni a venire.
Ringrazio Claudio Messora per aver ricordato Giulietto Chiesa. Qui troverete un estratto della mia intervista.

ARTICOLI CORRELATI

Quando si spegne un faro

A GIULIETTO
di Margherita Furlan

Ciao Giulietto, per noi esisterai sempre!
Un ricordo di tutti i compagni e amici

Giulietto Chiesa intervista il giudice Imposimato

Ti potrebbe interessare...

La parte per il tutto

In memoria di Peter

Il falso funerale delle ideologie

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy