Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
"Dobbiamo vigilare affinché il doveroso impegno per debellare il Covid 19 non oscuri quello contro il virus della mafia, della corruzione, dell'ingiustizia". A dirlo, a nome dell'associazione Libera, è il suo fondatore don Luigi Ciotti. In una nota don Ciotti ha parlato di "mali che - complici l'indifferenza e l'egoismo diffusi - hanno indebolito la democrazia, avvelenato e distrutto l'ambiente, rubato risorse. Se oggi il sistema sanitario arranca - nonostante lo sforzo ammirevole di tanti medici, infermieri, operatori - e se rischiamo di trovarci a decidere tra salute delle persone e tracollo dell'economia, è perché anche questo sistema si è lasciato infettare da quei virus o ha deciso di conviverci". Don Ciotti ha quindi pregato che questa Pasqua sia "di Resurrezione e di cambiamento vero, sostanziale, non dettato dall'emergenza e dalla paura; rinnoviamoci interiormente con decisioni radicali, profonde, che diano cadenze nuove alla nostra vita e non solo emozioni passeggere. E anche nuove rotte al nostro costruire insieme". "Insomma - ha aggiunto - sia cambiamento e non adattamento momentaneo a circostanze avverse. Cambiamento verso un umanesimo della giustizia e della fratellanza", ha osservato il fondatore di Libera. "E' un momento estremamente difficile, questo, che chiede certo una forte speranza ma anche un maggiore impegno - ha continuato -. Innanzitutto quello d'immaginare e delineare un futuro diverso, dove tutti siano garantiti e un male come questo, terribile, che sta uccidendo migliaia di persone, non acuisca distanze e disuguaglianze pregresse". "Lo vediamo e viviamo ogni giorno nelle accoglienze e servizi tenuti aperti, sia pure con le dovute precauzioni - ha spiegato don Ciotti - tante persone non possono stare a casa per il semplice motivo che una casa non ce l'hanno, sfrattate o impoverite". Secondo il fondatore del Gruppo Abele "è necessario mettersi in ascolto del futuro, leggere le linee di tendenza per intuire quale tipo di servizio siamo chiamati a svolgere, quali politiche sociali ed economiche richiedere, quale avvenire esigere per i giovani, le famiglie, i lavoratori, i migranti, le persone detenute, il popolo della strada. Quali iniziative culturali realizzare e come stimolare una nuova coscienza ecologica affinché - ha concluso - la 'conversione' a cui esorta la Laudato sì non si riduca a una generica 'transizione', ma sia mutazione di cuori, coscienze, condotte".

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy