Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Sandro Ruotolo - Video
Sono passati due anni dal 16 ottobre 2017 quando saltò in aria con un’autobomba la giornalista maltese Daphne Caruana Galizia e non conosciamo ancora i mandanti dell’omicidio. Daphne Caruana Galizia faceva parte del pool internazionale di giornalisti investigativi che ha indagato sui Panama Papers, sulla rete internazionale di società off shore e i loro beneficiari che ha coinvolto a Malta esponenti del governo. Daphne Caruana Galizia è stata delegittimata in vita e in morte. L’inchiesta di Fanpage.it a Malta ha raccolto le testimonianze di amici e parenti, di giornalisti coraggiosi che chiedono alla comunità internazionale, all’Europa di mettere sotto osservazione Malta dove la libertà d’informazione è a rischio.

Visita: youmedia.fanpage.it

ARTICOLI CORRELATI

Daphne Caruana, la giornalista che ha sacrificato la vita sull'altare della verità

Nasce ''The Daphne Project''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy