Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

josefa c reuters juan medinadi Valerio Cataldi
Gli occhi di Josefa ci inseguiranno a lungo. Lo sguardo di quella donna immersa nel mediterraneo e nell’indifferenza, testimonia l’assenza. È espressione dello sgomento di chi muore senza avere aiuto, senza trovare una mano a salvare la sua vita e di quelli che ha visto annegare.
La smorfia sul quel volto ricorda lo strazio dei pescatori di Lampedusa che si tormentavano al pensiero di essere stati costretti a scegliere la mano da tirare a bordo, mentre quelle a fianco colavano a picco.
È la smorfia dell’impotenza che oggi si riproduce sui volti degli uomini della guardia costiera costretti a stare fermi a guardare.
È lo sguardo di quelli che per anni hanno attraversato il mare, sfidando onde e burrasca per raggiungere naufraghi da portare in salvo.
Quanto può davvero durare questa spietata determinazione alla crudeltà?
Quanto è ancora sopportabile questo senso di impotenza?
È ora di agire e di scegliere da che parte stare.

Tratto da: articolo21.org

Foto © Reuters/Juan Medina

ARTICOLI CORRELATI

Josefa, unica sopravvissuta al naufragio. Le versioni di Libia, Open Arms e n-tv

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy