Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Abbiamo detto di aver preso il più grande latitante di mafia del mondo. E' vero, ma era nascosto da 30 anni dove doveva stare: a casa sua, in Sicilia

Abbiamo detto di aver gioito per questa cattura, avvenuta un anno e un giorno dopo quella di Totò Riina,'u curtu. E’ vero, ma 'u siccu si è praticamente ‘consegnato’: occhiali da divo, elegante, sicuro di sé; una specie di ‘fuitina’ appena accennata verso un’improbabile scomparsa, poi a braccetto tra due carabinieri, senza manette ai polsi (“siamo in regime democratico”), il tutto davanti a un assembramento di decine di agenti vestiti di nero, incappucciati, armati. Cinema e, di conseguenza, applausi a scena aperta. Meritatissimi peraltro.
Abbiamo detto che seguivamo le tracce di Matteo Messina Denaro con foto, identikit (mai visti di così somiglianti), intercettazioni, appostamenti e tutto quanto le forze dell’ordine hanno messo in pratica in questi anni. Inafferrabile.
Allora abbiamo detto che si era operato per non farsi identificare, che era invecchiato in 30 anni, che era irriconoscibile. Ma lui ha lasciato segnali dappertutto: una scia di bricioline di pane che neppure Pollicino per salvarsi la vita e ritrovare la strada nel bosco, fuggendo dalla strega cattiva. Telefonate, scambi di sms, selfie, contatti perfino esibiti con chiunque e senza alcuna prudenza.
Abbiamo detto che era malato oncologico grave (e sono spuntate analisi sanitarie di ogni genere). E i magistrati hanno commentato che nel complesso era “in buona salute” tanto da poter essere rinchiuso in regime di 41 bis nel carcere dell’Aquila, dove ora si trova in isolamento. Abbiamo detto che è stato una belva sanguinaria. Ed è vero anche questo. Ma poi ha scritto un bigliettino perfino commovente prima di entrare in prigione: “I carabinieri del Ros e del Gis mi hanno trattato con grande rispetto e umanità”. Palermo, 16 gennaio 2023. E l’ha firmato. Che neppure il papello di Totò Riina era mai stato autografato.
Abbiamo detto che dobbiamo essere orgogliosi, come italiani, di aver catturato l’ultimo superboss della stagione delle stragi. Ma allora “perché tante polemiche sull’arresto di Messina Denaro? Perché questo Paese fa così fatica a festeggiare anche la cattura di un boss mafioso?”. Lo chiede Myrta Merlino al presidente del Senato Ignazio La Russa, ospite di L’Aria che tira, il quale risponde: ”Me lo chiedo anche io”.
Abbiamo detto che vogliamo continuare la lotta alla mafia. Ma poi ci si indigna perché il procuratore di Palermo Maurizio De Lucia nella conferenza stampa seguita all’arresto parla di ‘borghesia mafiosa’ da indagare o perché Nino Di Matteo consigliere togato del Csm e pm che ha condotto il processo sulla Trattativa Stato-mafia suggerisce di farlo, proprio a partire dall’arresto di Messina Denaro.

Nel frattempo - riavvolgendo la moviola - spuntano tre covi segreti, la foto di Marlon Brando nel Padrino, sei messaggi sul social cinese Tik Tok che anticipavano la cattura del latitante, si ricordano precedenti profezie come quella del gelataio Baiardo legato ai fratelli Graviano (uno dei due ha appena querelato Saviano, chiedendo il ritiro del suo libro “Solo è il coraggio”) e viene avverata la speranza di Matteo Piantedosi, espressa il 9 gennaio ad Agrigento: “Mi auguro di essere il ministro che arresterà Matteo Messina Denaro”. Detto, fatto.
Vi pare che sia giustizia questa?” ha chiesto alla Camera Carlo Nordio, che della Giustizia è il ministro e se la prende con i pm antimafia. La domanda però era stata fatta a proposito della vicenda giudiziaria dell’ex comandante generale del Ros, Mario Mori. Per 17 anni sotto processo penale - ha ricordato - poi assolto, ma con una “carriera distrutta” e neppure risarcito. “A me pare che quando si parla di giustizia - ha concluso - bisogna parlare anche di errori giudiziari”.
Proviamo a dirlo ai parenti delle vittime che non ce ne importa niente del principio di non contraddizione di Aristotele. Il quale oltretutto era pure greco.

Ps. A proposito che fine avrà fatto la tracolla che Matteo Messina Denaro aveva in spalla nelle immagini del suo ingresso nella clinica La Maddalena? Conteneva radiografie mediche, un cambio d’abiti, altro? Dopo quanto successo 30 anni fa siamo tutti un po’ fissati quando in giro spariscono borse, cartelle, agende.

Tratto da: micromega.net

Foto © Paolo Bassani

ARTICOLI CORRELATI

Trovata l'auto di Messina Denaro, nel primo covo biglietti per Inghilterra e Sudamerica

Catturato! Così è finita la latitanza di Matteo Messina Denaro

Tescaroli: ''Cosa Nostra desidera eliminazione o affievolimento del carcere''

Con l'arresto di Messina Denaro c'è chi tifa per il 'disarmo' dell’antimafia: ma la sfida è apertissima

Intervista a Salvatore Borsellino sulla cattura di Matteo Messina Denaro

Il Comandante Ros Angelosanto: ''Covi 'ripuliti'? Ipotesi, non si può confermare''

Messina Denaro: inquirenti al lavoro a ritmi serrati, in corso altre tre perquisizioni

Messina Denaro, emessa custodia cautelare per Luppino: ''Sua versione inveritiera''

Procuratore Paci: ''Intercettazioni servono. Pm trattati come un'associazione a delinquere''

Giovanni Impastato: ''Va innalzato il velo su borghesia e non solo''

Messina Denaro, Di Matteo: ''Indagare a fondo su dichiarazioni di Baiardo''

Di Matteo: Messina Denaro incauto, o era certo delle coperture o si è fatto arrestare

Lodato: dall'agenda rossa ai mandanti esterni, c'è chi trema con arresto di Messina Denaro

La cattura di Matteo Messina Denaro: notizia più letta su giornali e siti internazionali

Orioles: ''Trent'anni per un arresto, non c'è nulla da festeggiare''

Graziella Accetta: ''Se Messina Denaro dicesse verità lo ascolterei''

Lia Sava: ''Cimici e trojan decisivi per incastrare i boss, ma anche nei reati minori''

Messina Denaro, Teresi: ''Un nuovo patto? Non lo escludo né lo ipotizzo senza evidenze chiare''

Stragi '92, Messina Denaro non presenzia all'udienza

De Lucia: ''Messina Denaro appoggiato da borghesia mafiosa, imprenditoria e sanità''


Messina Denaro: l'operazione del Ros porta il nome della poesia di Nadia Nencioni, una delle sue vittime

Carlo Palermo: ''Arresto Messina Denaro non interrompa le indagini sulle stragi''

Melillo: ''Togliere intercettazioni su corruzione? Danno serio a lotta alla mafia''

Messina Denaro, Ermini: ''Vittoria solo con verità su stragi, complicità e depistaggi''

Di Matteo: ''Arresto Messina Denaro è punto di partenza. Su Baiardo? Consiglio prudenza''

Chissà chi è Stato

All'indomani della cattura di Matteo Messina Denaro: ecco quello che fecero

Teresa Principato: “Rete massonica proteggeva Messina Denaro in tutto il mondo”

Sonia Alfano: ''Lo Stato lo cura, che Messina Denaro si penta''

Chi ha preso chi

Paese e studenti in piazza a Castelvetrano, la festa dopo l'arresto del boss

Per Messina Denaro domani l'udienza a Caltanissetta sulle stragi

L'avvocato Li Gotti: ''Se il covo di Messina Denaro era vuoto la resa era meditata''

Fondazione Caponnetto: ''Bene arresto Messina Denaro. Ora si indaghi su pupi e murari''

La gioventù di Palermo: ''Bene cattura Messina Denaro, ma non basta''

Messina Denaro, pm indagano Andrea Bonafede. La confessione: ''Lo conosco da sempre''

L'ingresso di Matteo Messina Denaro presso la clinica ''La Maddalena''

Balsamo: ''Arresto Messina Denaro non allontana pericolo attentato contro Nino Di Matteo''

Matteo Messina Denaro, la malattia, l'arresto e la coincidenza ''profetica'' di Baiardo

Le parole di Salvatore Baiardo, Scarpinato: ''Chi in realtà parla è Giuseppe Graviano''

Di Matteo: spero Messina Denaro parli, deve dirci chi volle gettare nel panico il Paese

Ardita: ''Arresto Messina Denaro segnale positivo, ma perché dopo 30 anni?''

Via libera al 41bis per Matteo Messina Denaro, è detenuto all'Aquila

Dainelli: ''L'arresto di Messina Denaro importante, ma sulle stragi vogliamo tutta la verità''

Comandante Ros, Angelosanto: ''Ora speriamo che Messina Denaro collabori''

A Campobello di Mazara perquisito il covo di Messina Denaro

Arresto Messina Denaro: fine di una impunità (di Stato)

Lodato: ''Se Messina Denaro collaborasse porrebbe fine a sconcio Stato-mafia''

Messina Denaro: notizia arresto tra le più lette al mondo

Arresto Messina Denaro, Ardita: ''Interminabile e inaccettabile latitanza''

Arresto Messina Denaro, Di Matteo: ''Stato vincerà quando si farà luce sulle stragi''

''Come ti chiami? Matteo Messina Denaro''. La viva voce del boss trapanese

Matteo Messina Denaro, una latitanza protetta in uno Stato-mafia

Matteo Messina Denaro, il boss di Cosa nostra l'ultimo latitante stragista - DOCUVIDEO

Arresto Messina Denaro: il commento dei Familiari delle Vittime della Strage di Via dei Georgofili

La Nazionale Italiana non si inginocchia e nessuno vaccina Matteo Messina Denaro
di Saverio Lodato

Cercate bene l'esplosivo destinato a Nino Di Matteo, troverete Matteo Messina Denaro
di Saverio Lodato

Matteo Messina Denaro e la latitanza

Principato: ''Messina Denaro? È protetto da una rete massonica''

Attentato al pm Di Matteo, pentito conferma: ''Messina Denaro mandò un messaggio''

L'azienda più ricca e sanguinaria d'Italia si chiama Mafia, lo dice la Banca d'Italia

Matteo Messina Denaro, il boss di Cosa nostra protetto dallo Stato-Mafia

Ti potrebbe interessare...

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos