Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Nel mentre il vento della guerra attraversa l’Europa, generato dall’aggressione della Russia nei confronti dell’Ucraina, ricorre il quarantesimo anniversario dell’assassinio di Pio La Torre, segretario regionale siciliano del Partito comunista. Un protagonista di primo piano della nostra storia più recente, che ha speso le energie per salvaguardare il valore universale della pace tra i popoli e segnato lo sviluppo del contrasto alla criminalità mafiosa.
Alle 9:20 del 30 aprile 1982, in via Li Muli, una stradina poco frequentata di Palermo, un commando di mafiosi, costituito da Giuseppe Lucchese, Antonino Madonia, Giuseppe Greco “Scarpuzzedda” (non processato perché già deceduto) e Salvatore Cucuzza, a bordo di una moto e di un’auto, tese un’imboscata a Pio La Torre, mentre stava andando a bordo della sua Fiat 132 alla sede del Partito comunista, in compagnia dell’autista-guardaspalle Rosario Di Salvo. Un delitto politico, punitivo e preventivo, esemplare per ferocia che, grazie soprattutto al fondamentale apporto dei collaboratori di giustizia, ha un movente e ha visto l’individuazione dei responsabili quali esecutori e mandanti, in virtù di tre verdetti definitivi della Corte di Cassazione (l’ultimo è del 4 marzo 2008). Tommaso Buscetta fu il primo. Il reggente del mandamento di Porta Nuova Salvatore Cucuzza, nel 1996, ha confessato il proprio coinvolgimento quale esecutore materiale e il suo racconto ha trovato puntuali conferme nelle rivelazioni di Francesco Marino Mannoia e di Giuseppe Marchese. Rimane aperto l’interrogativo se vi sia stata una convergenza di soggetti esterni a cosa nostra rimasti nell’ombra. Al duplice omicidio seguirono in Sicilia e nel Paese giorni di sgomento. La stessa sera giunse a Palermo il generale Carlo Alberto dalla Chiesa, che raccolse l’invito del ministro dell’Interno Virginio Rognoni e del presidente del Consiglio Giovanni Spadolini di anticipare il suo insediamento quale prefetto della città. A quest’uomo la società civile deve essere grata. Il suo esempio e il suo coraggio devono costituire oggi momento di riflessione. Egli sapeva bene i rischi, ma rimase al suo posto e proseguì nella sua azione. Aveva presentato un progetto di legge rivoluzionario, suddiviso in trentacinque articoli, che prevedeva controlli patrimoniali per colpire le risorse finanziarie dei boss, l’introduzione del reato di associazione di tipo mafioso, nuove disposizioni in materia di appalti e dirette a vulnerare il segreto bancario che per anni aveva agevolato il riciclaggio del denaro sporco. Si fece promotore di iniziative volte a fronteggiare la controffensiva della nuova mafia, che aveva iniziato dal 1979 una vera e propria carneficina. Aveva redatto, insieme con Cesare Terranova, la relazione di minoranza della commissione parlamentare d’inchiesta sulla mafia in Sicilia, puntando l’indice accusatore contro Vito Ciancimino e i Salvo, quando i cugini erano nel pieno del loro potere. Aveva capito cosa era cosa nostra, quali erano la sua pericolosità e i suoi punti di forza: la capacità di produrre ricchezza illecitamente e i suoi rapporti con la politica e la pubblica amministrazione. Non bastarono tuttavia il suo assassinio e la scia di sangue che ne seguì. Fu necessaria l’uccisione del generale Carlo Alberto dalla Chiesa, della moglie Emanuela Setti Carraro e dell’autista Domenico Russo, per far approvare il 13 settembre la proposta di legge (che porta il suo nome e quello di Virginio Rognoni), la prima seria normativa antimafia dal dopoguerra, una rivoluzione che ha contribuito all’erosione delle enormi ricchezze accumulate dalla criminalità organizzata, grazie all’introduzione delle misure di prevenzioni patrimoniale, che oggi molti vorrebbero ridimensionare. Per la prima volta il nostro Paese riconobbe l’esistenza della mafia, inserendo nel codice penale un articolo bis (il 416 bis), che cancellava la vergogna di tanti interessati proclami secondo cui la mafia era soltanto un’invenzione di politici in vena di provocazione.
Commemorare responsabilmente La Torre implica un richiamo alla società e alle forze politiche di oggi a non dimenticare quel che è accaduto, soprattutto quando il loro comportamento entra in collisione con valori insopprimibili e con la necessità di porre in essere iniziative anche legislative serie di contrasto alle strutture mafiose. C’è un’altra ragione di gratitudine nei confronti di Pio La Torre. Fu il promotore di una campagna a favore del disarmo, lanciando una petizione popolare per la raccolta di un milione di firme, che toccò l’apice il 4 aprile 1982, nella manifestazione dei centomila a Comiso, per impedire la costruzione della base missilistica. L’impegno e la condotta di La Torre sui fronti del contrasto alla criminalità mafiosa e del mantenimento della pace devono costituire un insegnamento esemplare in ogni tempo.

Tratto da: Il Fatto Quotidiano del 23 Aprile 2022

Foto © Letizia Battaglia

ARTICOLI CORRELATI

Ricordando Pio La Torre, ideatore della prima legge antimafia

Dopo l'ergastolo ostativo, toccherà al 416 bis. Così si smobilita la legislazione antimafia

Luca Tescaroli: ''In Italia posizioni sempre più frequenti contro le norme antimafia''

L'allarme di Luca Tescaroli: i collaboratori di giustizia in pericolo

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy