Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Quattro anni dopo l'efferato assassinio della più importante giornalista investigativa maltese, l'impegno dei suoi colleghi e amici rimane fermo. Chiediamo giustizia, sia per lei personalmente che per il suo lavoro.
L'assassinio di Daphne Caruana Galizia quattro anni fa ha distrutto le illusioni che molti ancora nutrivano su Malta e il suo governo laburista corrotto sotto l'allora primo ministro Joseph Muscat. Ha devastato la sua famiglia, i suoi amici e i suoi sostenitori e ha inflitto una ferita profonda, ancora sanguinante, ancora in putrefazione, all'intera nazione.
Quello che non ha fatto è stato fermare le sue storie. The Shift, istituito appositamente per garantire che il suo lavoro investigativo pionieristico continui, che le storie che è stata uccisa per smettere di scrivere non vengano lasciate cadere o dimenticate, oggi rende omaggio a Caruana Galizia nel quarto anniversario del suo omicidio guardando le storie di criminalità, corruzione e illeciti che ha riportato e che i suoi colleghi, sia locali che internazionali, si sono impegnati a continuare a indagare.
È stata uccisa, ma il suo lavoro continua. E la sua eredità vivrà attraverso la storia che le sue storie hanno fatto. Il suo lavoro, continuato dalle redazioni di tutta Europa, ha già fatto cadere un primo ministro e diversi ministri, ha denunciato una serie di famiglie imprenditoriali maltesi di lunga data come corrotte, rapaci e senza coscienza e ha mostrato l'intero programma PL pre-2013 per Malta essere stato nient'altro che una "tabella di marcia" verso l'autoarricchimento criminale, per i politici, i loro tirapiedi e i loro sostenitori.

Elettrogas
Daphne Caruana Galizia si è concentrata sui piani del governo entrante del PL di costruire una nuova centrale elettrica come altamente sospetti da prima delle elezioni del 2013 che li hanno portati al potere.
L'accordo corrotto, compreso un accordo di fornitura di gas con la compagnia petrolifera statale azera SOCAR, è diventato una delle principali indagini del giornalista. Dopo l'assassinio di Caruana Galizia, la determinazione dei giornalisti locali e stranieri a continuare il suo lavoro ha portato non solo la conferma di ciò che Caruana Galizia aveva riferito, ma ha anche scoperto altri segreti che i cospiratori stavano cercando di nascondere.
The Shift ha messo in luce i soggetti beneficiari dell'accordo, e si è spinto oltre per mostrare gli sforzi di Konrad Mizzi per nascondere gli accordi raggiunti con gli azionisti di Electrogas SOCAR in relazione all'importazione di gas GNL perché questo violava le regole dell'UE, oltre a mostrare come anche l'ex ministro dell'Energia ha regalato ad Electrogas fino a 40 milioni di euro di rimborso accise.
Un'altra sorprendente rivelazione, basata anch'essa sulle e-mail su cui Caruana Galizia stava indagando al momento della sua uccisione, ha mostrato che oltre 16 milioni di euro erano stati prelevati dagli azionisti da Electrogas in "commissioni di successo" - anch'esse nascoste alla Commissione europea.

17 Nero
Daphne Caruana Galizia ha segnalato per la prima volta l'esistenza della società segreta di Dubai 17 Black nel febbraio 2017. La società, istituita per incanalare tangenti ai politici, tra cui l'ex ministro Konrad Mizzi e il capo dello staff dell'OPM Keith Schembri, le società segrete panamensi di Hearnville e Tillgate - entrambe esposte di Caruana Galizia nell'ambito delle rivelazioni dei Panama Papers - è stato frettolosamente ribattezzato e poi chiuso dalle autorità di Dubai.
Nel novembre 2018, è stato rivelato che il proprietario di 17 Black era Yorgen Fenech, azionista e amministratore delegato di Electrogas, e ora dalla fine del 2019 accusato di aver ideato l'assassinio di Caruana Galizia.

Parco eolico del Montenegro
Il coinvolgimento del governo maltese nel parco eolico di Mozura in Montenegro è stato esposto per la prima volta da Daphne Caruana Galizia sul suo blog nel 2015. In collaborazione con il più grande quotidiano del Montenegro, The Shift ha studiato i dettagli della vendita sul campo e ha esposto le modalità in quale diverse parti, tra cui una società anonima delle Seychelles ed Enemalta, hanno colluso in uno schema per rubare milioni di euro sia al Montenegro che ai contribuenti maltesi.
Reuters e The Times of Malta hanno anche mostrato come, dietro quella società anonima delle Seychelles utilizzata per incanalare denaro dall'accordo, Cifidex, ci fossero due volti familiari. La società era di proprietà di un direttore azero di Electrogas e, tale società ha preso in prestito e pagato milioni di profitti a 17 neri di proprietà nientemeno che Yorgen Fenech, accusato di aver commissionato l'assassinio della giornalista.

Banca Pilatus
La banca ora chiusa è diventata al centro dei rapporti di Caruana Galizia almeno dal 2016, quando ha accusato la banca di essere stata istituita appositamente per agire come veicolo di riciclaggio di denaro, oltre a detenere documenti e conti cruciali per politici corrotti.
Dall'assassinio di Caruana Galizia, ulteriori indagini di The Shift e di altre redazioni, nonché di diversi esperti del tribunale, hanno dimostrato che aveva ragione. La licenza della banca è stata ritirata dalla BCE, dopo che l'MFSA non ha agito, e il proprietario della banca è stato arrestato e accusato di gravi crimini negli Stati Uniti. È stato riconosciuto colpevole di cinque accuse, ma il governo degli Stati Uniti ha poi archiviato il caso.

Vendita passaporti
Il disgusto di Caruana Galizia nell'apprendere che il governo laburista in arrivo stava progettando di vendere passaporti maltesi a chiunque fosse in grado di procurarsi denaro sufficiente ha portato alla sua determinazione a esaminare e indagare sullo schema ed esporre la vera venalità dietro di esso. Il suo lavoro ha aperto la strada nel rivelare che si trattava semplicemente di una truffa per arricchirsi rapidamente che consentiva un facile accesso nell'UE a persone i cui precedenti e precedenti avrebbero potuto impedire loro di ottenere visti in Europa.
The Shift ha fatto seguito alle sue indagini e, in un'indagine congiunta di giornalisti nazionali e internazionali su documenti trapelati dal concessionario di passaporti Henley & Partners all'inizio di quest'anno, ha riferito che la maggior parte dei richiedenti il programma cash-for-passports di Malta che ha chiesto la cittadinanza tramite Henley & Partners durante i primi anni del regime provenivano da paesi dove ottenere un altro passaporto è illegale o malvisto, paesi come l'Arabia Saudita, la Cina e la Russia.

Ospedali
Quando il governo ha annunciato per la prima volta la privatizzazione di tre ospedali pubblici, Caruana Galizia ha subito puzzato di topo, quando si è concentrata sul frontman per quell'accordo con Vitals Global Healthcare, un losco personaggio di nome Ram Tumuluri.
Ancora una volta, il suo istinto e le sue indagini si sono rivelati corretti, così come i suoi sospetti sul coinvolgimento di Konrad Mizzi.
The Shift ha riportato gli sviluppi di questa scandalosa vicenda sin dal suo inizio, monitorando il discutibile trasferimento degli ospedali da Vitals a Steward Healthcare per 1 € ed esponendo gli investitori nascosti dietro l'accordo. Come risultato del giornalismo investigativo transfrontaliero con colleghi in Montenegro e Albania, The Shift ha anche mostrato come le persone coinvolte nel losco affare a Malta stessero tentando di vendere lo stesso modello nei paesi dell'Europa orientale.

Daphne e i "panini ghiacciati" di PL
Le indagini di Caruana Galizia sulla corruzione nel cuore del governo PL si sono estese fino a rivelare livelli senza precedenti di clientelismo e nepotismo, che hanno visto amici, sostenitori e collegamenti del partito laburista essere ricompensati con posizioni importanti, lavori comodi e contratti redditizi.
The Shift ha denunciato centinaia di questi casi, a volte quotidianamente, nei quattro anni trascorsi dal brutale omicidio di Caruana Galizia. Dalla consegna del suolo pubblico alle grandi imprese, all'offerta di impieghi pubblici ben pagati ai familiari dei lealisti del Partito e una serie di ordini diretti, per un importo di molte centinaia di milioni di euro l'anno, assegnati a grandi aziende , appaltatori e sviluppatori, nonché assistenti ministeriali, promotori e elettori.

Tratto da: theshiftnews.com

Foto © Sandro Rossi

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy