Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.



C'è la storia del Novecento e dell'emancipazione delle donne nella vita di Letizia Battaglia. Con Sabrina Pisu ha appena scritto "Mi prendo il mondo ovunque sia" (Einaudi). Lo spunto per una chiacchierata nella sua casa di Palermo in cui la 'fotografa della mafia' (ma lei preferisce 'contro la mafia') ripercorre alcuni scatti storici delle guerre tra clan in Sicilia, fino alle stragi di Falcone e Borsellino. E a sorpresa accetta di parlare del suo privato meno noto eppure così significativo anche oggi per ogni donna.
Fondatrice di due agenzie fotografiche, una casa editrice, un giornale, assessora e deputata regionale, direttrice del Centro internazionale di fotografia di Palermo, la fotografa italiana più premiata, conosciuta ed esposta al mondo replica anche agli attacchi pesantissimi arrivati di recente contro il suo spot Lamborghini, con una bimba e due teen per protagoniste.

Riprese Giorgio Ruta
Montaggio Valeria D’Angelo

Tratto da:
video.repubblica.it

ARTICOLI CORRELATI

I sogni ''ammaccati'' di Letizia Battaglia

Polemica sulle foto della Battaglia per Lamborghini: ''Sono stata massacrata''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy