Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Giuliano Lodato
Il 24 marzo di ogni anno in Argentina si celebra il giorno della memoria per le vittime della dittatura militare del generale Videla.
I militari argentini al potere, che erano stati spettatori attenti della dittatura di Pinochet in Cile e delle attenzioni, negative, che si era attirato dall’Occidente, agirono sotto traccia, silenziosamente. Ma in maniera altrettanto, o più, crudele.
Sparirono oppositori e potenziali oppositori, ma anche gente che non si era schierata. Torturati e poi uccisi. Scomparsi. “Desaparecidos”, nome con il quale passarono poi alla storia.
Nei centri di detenzione c'erano anche bambini e donne incinte. I neonati vennero strappati alle madri, che furono uccise.
Le nonne di quei bambini, ancora oggi, tutti i giovedì, si riuniscono a Plaza de Mayo, la piazza principale di Buenos Aires. Non vogliono che si dimentichi.
Oggi non hanno potuto manifestare e giovedì non potranno vedersi, come fanno da anni, a causa delle restrizioni dovute al coronavirus.
La dittatura si concluse nel 1983 dopo circa 7 anni.
In un paese che ha più della metà della popolazione discendente da italiani, mi sembrava giusto non dimenticarlo.

Ti potrebbe interessare...

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos