Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

maggiani chelli giovanna web11di Giovanna Maggiani Chelli
Il pronunciamento della Cassazione sulla richiesta di Riina di andare a morire ai domiciliari ci lascia a dir poco basiti.
Aspettiamo fiduciosi il pronunciamento del Tribunale di Sorveglianza di Bologna, un Giudice ci sarà pure in questo Paese.
Dopo di che per non essere presi in contropiede cominciamo a preparare gli striscioni.
Infatti dignità, umanità, invocate dalla Corte di Cassazione per il macellaio di via dei Georgofili possono essere esercitate tranquillamente all’infermeria del carcere o in un ospedale attrezzato per il 41 bis.
L’espressione usata “diritto ad una morte dignitosa” la ritorniamo al mittente, si può morire dignitosamente ovunque nelle mani di uno Stato, tranne in via dei Georgofili come è avvenuto il 27 Maggio 1993 per Dario, Nadia, Caterina, Angela, Fabrizio e quanti ancora oggi spesso non possono condurre la vita che gli resta dignitosamente.

Giovanna Maggiani Chelli
Presidente
Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili

ARTICOLI CORRELATI

Riina: ''Parlo! Non parlo…magari esco''

L'ultimo colpo di rasoio alla memoria di Giovanni Falcone  - di Saverio Lodato

Borsellino su Cassazione-Riina: ''Pagano la cambiale che hanno firmato 25 anni fa''

Ingroia su Riina: ''Liberarlo perché si ha paura che possa parlare?'' - Video

Cassazione: Totò Riina malato, ha diritto a morte dignitosa

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy