Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

La rubrica di Saverio Lodato

La rubrica di Saverio Lodato

20210717 via damelio 29 anni hp

20201217 40 anni di mafia 1150 hp

quarantanni di mafia 312x mobile

quarantanni di mafia 312x mobile

 

Casa del Sole / Giulietto Chiesa

strage-via-damelioAccolta la richiesta di incidente probatorio avanzata da un legale
di Aaron Pettinari – 15 maggio 2012
Il Gip del Tribunale di Caltanissetta, Alessandra Giunta, ha ammesso l'incidente probatorio per sentire, dal 5 al 9 giugno, i pentiti Giovanni Brusca, Antonio Giuffrè, Tullio Cannella e Gaspare Spatuzza, nell'ambito del nuovo filone d'inchiesta sulla strage mafiosa di via D'Amelio. La richiesta era stata avanzata lo scorso 20 aprile dall'avvocato Flavio Sinatra, legale del boss palermitano Salvuccio Madonia e di Vittorio Tutino, che il mese scorso hanno ricevuto un ordine di custodia per l'attentato contro il giudice Paolo Borsellino. Alla richiesta si era opposta la Procura di Caltanissetta.

Lo scorso marzo erano state emesse quattro ordinanze di custodia cautelare nei confronti del capomafia palermitano Salvatore Madonia, 51 anni e Vittorio Tutino, 41 anni, sono stati raggiunti lo scorso marzo da un'ordinanza di custodia cautelare per l'eccidio di via D'Amelio insieme a Salvatore Vitale, 61 anni e all'ex pentito di Sommatino, Calogero Pulci, 52 anni che risponde solo di calunnia aggravata. Salvatore Madonia, detto Salvuccio, e' considerato uno dei mandanti, mentre Tutino e' accusato di aver rubato, assieme al pentito Gaspare Spatuzza, la Fiat 126 usata poi come autobomba nella strage. Salvatore Vitale, già condannato per il sequestro del piccolo Giuseppe Di Matteo, avrebbe procurato l' esplosivo i congegni elettronici per l'autobomba, e sarebbe stato la "talpa" degli attentatori in via D'Amelio. Intanto nei giorni scorsi, il Procuratore della Repubblica di Caltanissetta Sergio Lari, intervenuto al Gr3 della Rai ha detto: “Su via D'Amelio si sono già fatti notevolissimi passi avanti. Per quanto riguarda invece la strage di Capaci sono in fase di definizione ulteriori indagini sulle quali devo mantenere il dovuto riserbo, ma che comunque hanno consentito al mio ufficio di ricostruire nuove responsabilita”. Il Procuratore ha poi confermato “che rimangono ombre e dubbi sul possibile ruolo di concorrenti esterni rispetto alla deliberazione delle stragi che comunque va ascritta esclusivamente a Cosa Costra”. Per Lari “molto già si è accertato. Non sottovaluterei per nulla i risultati che sono stati acquisiti con queste ultime indagini sulla strage di via D'Amelio e quelli che arriveranno a breve su Capaci”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DIETRO LE STRAGI

DIETRO LE STRAGI

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

...

IN NOME DELL'ANTIMAFIA

IN NOME DELL'ANTIMAFIA

by Salvo Vitale

...


LA MAFIA CHE CANTA

LA MAFIA CHE CANTA

by Calogero Ferrara , Francesco Petruzzella

...


POTERE MASSONICO

POTERE MASSONICO

by Ferruccio Pinotti

...

NON CHIAMATELI EROI

NON CHIAMATELI EROI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

...


IL SUPREMO

IL SUPREMO

by Andrea Galli, Giuseppe Lumia -

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy