Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Mobilitiamoci in massa per chiedere giustizia invitando l’opposizione, le associazioni antimafia, la stampa, a fare il proprio dovere

Dopo 69 giorni di sciopero della fame ed un deperimento di 33 kg, il Testimone di Giustizia palermitano Angelo Niceta versa evidentemente in condizioni gravissime.
Come cittadini non possiamo restare a guardare passivamente mentre nell’indifferenza generale, anche di gran parte del mondo dell'antimafia e dell'informazione che si proclama "libera", sta per consumarsi l’ennesima morte annunciata.
La morte di un uomo giusto che porterebbe su di sé gravissime responsabilità. La morte di un Testimone di Giustizia la cui unica colpa è forse di aver subito troppi torti e di essere troppo scomodo per il mondo della borghesia palermitana collusa mani e piedi con la mafia dal colletto bianco oggi è al potere.
La protesta di Angelo Niceta non è strumentale né infondata. Tuttavia rispetto ai fatti precisi e documentati che sono stati puntualmente sollevati non è mai stata data alcuna risposta.
Angelo Niceta, in questa situazione, sebbene lo abbia richiesto formalmente, non è stato neppure convocato per essere audito davanti alla Commissione Centrale del Viminale, come invece prevede la Legge.
Ci appelliamo a tutti coloro che non accettano questo esito drammatico per sollecitare in massa e con urgenza i deputati dell’opposizione (finora inerti di fronte alla mancata risposta del governo), le associazioni antimafia e i giornali non governativi perché smettano di fingere di guardare da un’altra parte e prendano finalmente posizione, com’è loro preciso dovere, chiedendo che il governo e il ministro Piantedosi si assumano le loro gravissime responsabilità di fronte al Paese. La stampa, anche quella che non perde occasione per vantarsi indipendente e scomoda, non può continuare a ignorare una vicenda tanto importante. Bisogna chiedere inoltre che la magistratura indaghi sulle anomalie capitate ad Angelo ed alla sua famiglia.
Altrimenti, quando sarà successo l’irreparabile, sarà l’ennesima morte non solo dovuta a responsabilità del governo, che ci sono tutte, ma anche alla nostra incapacità come cittadini di mobilitarci e pretendere in modo esigente che chi ha influenza pubblica prenda posizione e agisca coerentemente, anche quando ciò è scomodo e può costare in termini di vantaggi personali.
Continuiamo a far girare la petizione, nel cui testo è spiegata la storia di Angelo Niceta e sono riportati i fatti salienti e a chiedere di FIRMARLA a chi ancora non l’ha fatto.

firma petizione


ARTICOLI CORRELATI

Il testimone di giustizia Niceta continua lo sciopero della fame, in 55 giorni ha perso 28 kg


Il Testimone di Giustizia Angelo Niceta e la famiglia annunciano l'inizio di un digiuno ad oltranza

Peggiorano le condizioni di salute di Angelo Niceta

Una petizione on line a sostegno di Angelo Niceta

Dopo cinque giorni lo sciopero della fame di Angelo Niceta non si ferma

''Chiedo il rispetto delle leggi'', Angelo Niceta inizia un nuovo sciopero della fame

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos