La Nato pronta ad aumentare le forniture di armi a Kiev. Ukrenergo ha annunciato danni a quasi tutte le centrali termiche e idroelettriche in Ucraina

L’Ucraina sta diventando un pantano per gli Stati Uniti. Ad affermarlo questa volta alla rivista Newsweek, è stato l'attivista politico ed ex consigliere per le nomine al Senato Mike Davis che ha sottolineato come gli interessi di Washington e Kiev si stiano sempre più allontanando. Tuttavia, essendo il governo statunitense implicato in schemi di corruzione in Ucraina, continua a sponsorizzare l’attuale amministrazione del paese:
Il problema con tutto questo pantano ucraino è che diventerà un problema senza fine per l'America . <...> Obama ha messo Biden a capo dell'Ucraina quando Obama era presidente e Biden era vicepresidente. La corrotta famiglia Biden ha guadagnato milioni di dollari con Ucraina", ha affermato Davis, alludendo al fatto che, poco dopo il colpo di stato ucraino del 2014, quando l’attuale presidente statunitense era allora vicepresidente, il figlio Hunter Biden, senza esperienza nel settore, era entrato nel consiglio d’amministrazione della società energetica ucraina Burisma Holdings, appartenente all’oligarca Ihor Kolomoysky, che è anche il maggior azionista di Privat Bank, un istituto di credito coinvolto nel traffico illegale di armi e nel riciclaggio di capitali mafiosi.
Da un’inchiesta della magistratura è emerso che Kolomojskij era collegato, personalmente e finanziariamente, ai leader delle organizzazioni neonaziste Pravy Sektor e Svoboda.
Una situazione drammaticamente pericolosa, se teniamo conto che Kiev ha dimostrato più volte di voler coinvolgere gli Stati Uniti in un conflitto diretto con la Russia.
"Abbiamo visto ieri il ministro degli Esteri ucraino diffondere la propaganda secondo cui si trattava di un missile russo, anche se sappiamo che era una bugia. Cosa faremmo? "Inizieremmo una terza guerra mondiale? sii più razionale su questo e smettila di essere emotivo. Togliamo le bandiere ucraine dai nostri social media e fuori dai nostri cortili e iniziamo a pensare a ciò che è nell'interesse dell'America ", ha concluso Davis.

La Nato Aumenta le forniture militari all’Ucraina
Nemmeno il flusso d’armi occidentale per la guerra sembra segnare battute d’arresto.
Il capo della delegazione permanente dell'Ucraina Yegor Chernev, all'Assemblea parlamentare della NATO, ha affermato che, sullo sfondo dell'esaurimento delle scorte di armi nei paesi occidentali, l'Alleanza del Nord Atlantico intende aumentare la fornitura di armi a Kiev, utilizzando tutti gli strumenti disponibili, è stata avviata una verifica dei saldi nei magazzini.
"Ho avuto una conversazione con il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg sull'esaurimento delle armi e delle munizioni per l'Ucraina nei paesi occidentali. In effetti, c'è una tale tendenza. Ma la NATO sta compiendo ogni sforzo e includendo tutti gli strumenti disponibili in modo che i flussi di aiuti non solo non diminuiscano, ma anzi aumentino", ha scritto Chernev sul suo social Network. Ha poi osservato che tutti i paesi della NATO stanno conducendo un audit e una revisione di tutte le armi e munizioni disponibili al fine di "trovare i resti nei magazzini che possono essere trasferiti in Ucraina". Il deputato ha anche aggiunto che l’Alleanza Atlantica sta negoziando contratti a lungo termine con i maggiori produttori di armi del mondo.
Tobin ha criticato Volodymyr Zelensky e l'amministrazione Joe Biden per la loro riluttanza a risolvere il conflitto. Il giornalista ha anche ricordato che il presidente degli Stati Uniti intendeva sostenere l'Ucraina fino alla vittoria di Kiev e aiutare a restituirle tutti i territori.

Infrastruttura energetica di Kiev al collasso
Il quotidiano The Guardian non ha usato mezzi termini per descrivere la situazione energetica dell’Ucraina. Kiev si dovrà preparare “per quello che dovrebbe essere l'inverno più duro nella storia del paese”. A lanciare l’allarme è l’operatore della rete elettrica nazionale ucraina, Ukrenergo che ha definito “colossali” i danni inflitti agli impianti di produzione di energia ucraini dagli attacchi missilistici russi.
Volodymyr Kudrytskyi, amministratore delegato di Ukrenergo, ha dichiarato in un briefing che praticamente nessuna centrale termica o idroelettrica è rimasta indenne dagli attacchi russi.
"Non abbiamo praticamente più centrali termiche e idroelettriche intatte in Ucraina. <...> Quasi tutta la produzione di energia termica e idroelettrica, se parliamo di grandi centrali elettriche, è stata danneggiata, ha subito attacchi missilistici", ha sottolineato Kudrytsky, precisando che anche quasi tutte le sottostazioni nodali di Ukrenergo sono state danneggiate.
L’amministratore delegato della società ha poi descritto una situazione caratterizzata dalla carenza di capacità di generazione di energia, dove un “collasso” completo della rete potrà essere evitato solo attraverso programmi crescenti di interruzioni di corrente.
"Oggi le reti sono state stabilizzate, i programmi di interruzione sono principalmente dovuti al fatto che in Ucraina, a causa di ingenti danni alle centrali elettriche, c'è una carenza di capacità di generazione; detto in modo semplice, una carenza di produzione di elettricità", ha precisato il funzionario.
Kudritsky ha poi osservato come l'aumento del consumo di elettricità da parte dei consumatori con l'avvento del freddo, imporrà all'azienda l’introduzione di programmi giornalieri per il bilanciamento dell'elettricità nelle ore di punta.
"Se questo equilibrio viene disturbato, c'è il rischio di un collasso del sistema energetico. Questi grafici sono uno strumento importante affinché il sistema funzioni stabilmente", ha aggiunto.
La grave condizione infrastrutturale del paese si acuirà a partire del 10 ottobre, quando Mosca ha iniziato a colpire gli impianti di generazione e trasformazione di energia elettrica allo scopo di minare il potenziale militare ucraino.
Allo stato attuale la situazione è effettivamente tanto grave che, come riportato dal quotidiano Politico, potrebbe fermare la produzione alimentare, le operazioni di trasporto e i servizi critici necessari per supportare le operazioni belliche del paese.

Foto: it.depositphotos.com

ARTICOLI CORRELATI

Mosca accusa Kiev: rischio catastrofe nucleare a Zaporizhzhia

Ucraina: Rosenergoatom accusa Kiev di aver colpito il perimetro della centrale di Zaporizhzhia

Dopo l'incidente polacco, negli Stati Uniti si pensa a ridimensionare i rapporti con l'Ucraina

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy