Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il conflitto in Ucraina può essere fermato, secondo me, domani. Tutto ciò che serve è che gli americani si avvicinino al tavolo e dicano 'OK, andiamo avanti con gli accordi di Minsk'. E poi sarebbe tutto finito". Così il leggendario fondatore dei Pink Floyd Roger Waters in un’intervista a RT.
Il musicista ha sottolineato che l'attuale presidente dell'Ucraina, Vladimir Zelensky, ha fatto una campagna con la promessa di mantenere gli accordi di Minsk e porre fine alla guerra civile, iniziata dopo il colpo di Stato del 2014 a Kiev, e che il 73% degli ucraini ha votato per lui sulla base di cosa, "per non dover fare una guerra". Tuttavia, "nel momento in cui è stato scelto, qualcuno gli ha puntato una pistola alla testa, immagino, e ha cambiato idea e non ha fatto nulla di tutto ciò", ha osservato Waters. Alla domanda se l'Occidente vuole che il conflitto finisca ha risposto: "No, non hanno alcun interesse a metterlo fine. Combatteranno fino all'ultimo ucraino. O se vogliono che finisca, perché no? Perché è nelle loro mani lo fanno sempre”. “È nelle mani della NATO, è nelle mani di Joe Biden. Non vogliono che finisca. Ci sono enormi fortune da fare", ha aggiunto, riferendosi alle migliaia di milioni di dollari in armi che Washington e i suoi alleati stanno inviando a Kiev. Durante la recente visita del presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, a Taipei, Waters ha dichiarato a RT che l'Ucraina e Taiwan sono i due punti caldi che potrebbero innescare la terza guerra mondiale. "Se il popolo cinese vuole vivere sotto un regime comunista, o i russi, o chiunque altro nel mondo, lo facciano, perché non dovrebbe essere loro consentita l'autodeterminazione?" ha commentato l'artista, ricordando il principio di una "one China", accettata da decenni da Washington.
Dopo aver spiegato la storia e il background di Cina e Taiwan, Waters si è chiesto perché l'Occidente sia così intento a imporre i suoi valori agli altri. "Perché devi decidere, tu, questo insediamento coloniale in Nord America, perché devi decidere come si comportano tutti gli altri nel mondo?" ha detto.
"Vogliono governare il mondo, questa è la cosa pericolosa della politica estera americana”, ha concluso il musicista.

Fonte: actualidad.rt.com

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Roger Waters: ''Biden è un criminale. Sta alimentando la guerra in Ucraina''

Roger Waters: ''Stanno assassinando Julian Assange''

Guerra in Ucraina: i Pink Floyd e l'ultimo capolavoro senza Roger Waters

Roger Waters: ''I governi occidentali alimentano con le armi la distruzione dell'Ucraina''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy