Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Mentre Svezia e Finlandia premono per l’ingresso nella NATO, il Presidente Erdogan stipula un accordo di dieci punti con i Paesi, con il fine ultimo di facilitare l’estradizione dei militanti curdi del PKK in Turchia.
La NATO, nel frattempo, ha rilasciato il suo nuovo documento strategico: “Rafforzeremo in modo significativo la nostra posizione di deterrenza e difesa per negare a qualsiasi potenziale avversario ogni possibile opportunità di aggressione”, vi si può leggere. La NATO, questa volta, non esclude nemmeno un possibile utilizzo di armi atomiche: “Le circostanze in cui la NATO potrebbe dover utilizzare armi nucleari sono estremamente remote… L’Alleanza ha le capacità e la determinazione per imporre a un avversario costi che sarebbero inaccettabili e che supererebbero di gran lunga i benefici che qualsiasi avversario potrebbe sperare di ottenere”.
Le sanzioni contro la Russia si stanno ripercuotendo in maniera fortissima contro l’Occidente. L’Euro ha raggiunto il suo livello minimo da 20 anni a questa parte nei confronti del dollaro, e la Russia realizza guadagni record con la vendita del greggio ad oriente.
Insomma, non un momento troppo felice per l’Impero del Dollaro e per la sua colonia d’oltremare (l’Europa). L’inflazione delle materie prime porterà i suoi effetti più disastrosi a partire da questo autunno. Ci si prepara al peggio.

ARTICOLI CORRELATI

Ecco perché meritiamo tutto questo

La fine di una civiltà

Perché il debito pubblico è un problema

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy