Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Nuovo bombardamento alla centrale di Zaporizhzhya. Intelligence britannica: i russi avanzano su un fronte di 350 km. Colpite 45 mila tonnellate di munizioni Nato

Ancora una volta il mondo ha evitato per un soffio la catastrofe radioattiva. Come riportato questa mattina dal servizio stampa dell'amministrazione di Energodar, le forze armate ucraine hanno lanciato un attacco missilistico sul territorio della centrale nucleare di Zaporozhye.
"Stanotte, le formazioni armate dell'Ucraina hanno lanciato un attacco utilizzando un razzo Uragan MLRS da 220 mm. Quando si è avvicinato alle unità di potenza, il razzo è riuscito ad aprirsi e rilasciare munizioni a frammentazione", afferma il rapporto.
I frammenti del motore a razzo sono caduti a circa 400 metri dall'unità di potenza operativa della stazione.
Come affermato da un rappresentante dell’amministrazione cittadina, "nonostante l'elevato livello di protezione contro gli incidenti previsto durante la costruzione della centrale nucleare, le forze armate ucraine stanno tentando di distruggerla o di interrompere in modo significativo i processi di funzionamento chiave. Ogni giorno, gli attacchi di artiglieria vengono effettuati più vicino alle unità di potenza, che rappresenta una minaccia diretta per la vita di centinaia di migliaia di civili sul territorio dell'Ucraina, nonché dei paesi dell'Europa e dell'Asia".
Mikhail Mizintsev, capo del Centro nazionale di controllo della difesa (NTsUO) della Federazione russa aveva affermato che i bombardamenti del territorio della centrale nucleare di Zaporozhye da parte di gruppi armati ucraini "sono di natura deliberata e regolare", e minacciano la sicurezza nucleare non solo dell'Ucraina, ma anche dell'Europa. L’attacco precedente di venerdì 5 agosto aveva provocato il danneggiamento di due linee elettriche ad alta tensione e un oleodotto per il trasporto dell’idrogeno, lasciando più di 10.000 residenti senza elettricità e senz’acqua.
"In caso di incidente alla centrale nucleare di Zaporozhye”, ha continuato Mizintsev, “si verificherà un disastro globale causato dall'uomo che, in termini di portata della contaminazione radioattiva, supererà significativamente le conseguenze degli incidenti nelle centrali nucleari di Chernobyl e Fukushima".

L’AIEA pronta ad una missione per recarsi alla centrale
Anche il capo dell'AIEA, Rafael Grossi, ha denunciato una situazione allarmante, dicendosi "estremamente preoccupato per il bombardamento" di venerdì e definendo le azioni militari in prossimità del sito "del tutto inaccettabili”. Grossi ha sottolineato di essere pronto a guidare la missione degli esperti dell'AIEA in materia di sicurezza, protezione e salvaguardie presso le centrali nucleari.
Di tutta risposta il membro del consiglio principale dell'amministrazione della regione di Zaporozhye Vladimir Rogov ha confermato che l’accesso per l'Agenzia internazionale per l'energia atomica sarà fornito immediatamente:
"Siamo grati al capo dell'AIEA per la reazione, anche se un po' tardiva, al bombardamento della centrale nucleare di Zelensky da parte dei militanti e siamo pronti a fornire alla missione da lui guidata un accesso immediato alla struttura", ha affermato Rogov a RIA Novosti.
Come riportato dal The Guardian, l'AIEA ha cercato per settimane di inviare una squadra per ispezionare l'impianto, ma Kiev “ha finora respinto gli sforzi, che, secondo quanto riferito dall'AFP, legittimerebbero l'occupazione russa del sito agli occhi della comunità internazionale”.

Il fronte si allarga
I combattimenti nel Donbass sembra si stiano avviando verso una fase nuova. Reuters riferisce che sabato le forze russe avevano bombardato dozzine di città in prima linea e stavano per attaccare in sei diverse aree nella regione di Donetsk.
Secondo l’intelligence britannica la maggior parte dei combattimenti si sta spostando su un fronte di quasi 350 km che si estende a sud-ovest da Zaporizhzhia vicino a Kherson.
Il quotidiano Readovka riporta che combattimenti intensi stanno avvenendo in queste ore alla periferia di Soledar e della stessa Artemovsk. Per 4 giorni, l’esercito ucraino ha tentato 8 volte di contrattaccare per allontanare le forze russe dalla città, ma tutti i tentativi si sono conclusi senza successo. I combattimenti nei prossimi giorni dovrebbero continuare a svolgersi per raggiungere la zona industriale di Artemovsk.
Nella direzione di Donetsk, i militari dell'esercito della Repubblica popolare omonima (DPR), insieme alle unità delle Forze armate di Mosca, hanno preso il pieno controllo di una fattoria nel sud di Maryinka, da cui in precedente In precedenza, partivano i bombardamenti verso Aleksandrovka e il distretto di Petrovsky. È stato anche segnalato l'inizio delle operazioni attive delle Forze armate della Federazione russa nell'area di Ugledar.
In direzione sud, unità di Mosca 108° regimento hanno iniziato un assalto al villaggio di Blagodatnoye. Secondo il Ministero della Difesa russo nella regione di Mykolaiv, le truppe di Mosca hanno distrutto un arsenale con 45.000 tonnellate di munizioni fornite all'esercito ucraino dai paesi della NATO.
"Un arsenale vicino a Voznesensk è stato distrutto, dove sono state immagazzinate 45.000 tonnellate di munizioni recentemente fornite alle forze armate ucraine dai paesi della NATO", si legge nella nota.
Sarebbero stati colpiti inoltre tre posti di comando, tra cui un battaglione della 66a brigata meccanizzata ucraina vicino al villaggio di Ocheretino, un battaglione della 109a brigata di difesa territoriale vicino a Berestka nella DPR, nonché la manodopera e l'equipaggiamento militare dell'Ucraina esercito in 173 distretti.

Foto: it.depositphotos.com

ARTICOLI CORRELATI

L'esercito ucraino bombarda la centrale nucleare di Zaporizhzhia

L'Ucraina viola il diritto internazionale mentre l'occidente prolunga il conflitto

Amnesty International denuncia: ''Tattiche di combattimento di Kiev hanno messo in pericolo i civili''

Mosca, pronti i negoziati per il cessate il fuoco, ma non c'è intesa per fermare la guerra

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy